Da maggio 2011 una nuova legge sulla privacy è stata deliberata dal parlamento Europeo in merito all’obbligo per i siti web di richiedere il permesso agli utenti di utilizzare cookies. La legge, denominata ormai EU Cookie Law (legge europea sui cookies), è un ammenda ad alcune precedenti direttive (precisamente del 2002) sui diritti utenti nelle comunicazioni e servizi web, sui dati personali e la protezione della privacy.

L’Italia ha approvato la legge con il decreto legislativo 69/2012 e 70/2012 ed è in vigore dal 1 giugno 2012. Il termine ultimo per adeguare tutti i siti web agli obblighi di legge è il 2 giugno 2015.

Per quanto riguarda i cookie, la giurisdizione italiana passa ufficialmente da un regolamento opt-out che li liberalizzava senza discriminazioni, ad uno opt-in, il quale richiede che l’utente dia necessariamente un consenso espresso, senza il quale i cookie non possono essere attivati, a meno che l’uso di questi non sia necessario alla prestazione del servizio richiesto, come descritto nell’articolo 2 n. 5 della Direttiva.

  • Ma esattamente cosa sono i cookie?
    Sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che sta visitando.

»Qui il testo integrale della legge da consultare

Accessibilità | Team | Credits | On line dal 17-12-2005