Notizie

Torna all’elenco delle notizie

  • Nuoro – venerdì 15 settembre 2017, ore 16:00

    Sas dies de su disterru – I giorni dell’abbandono

    Sas dies de su disterru

    I giorni dell’abbandono

    Pinturas e isculturas de

    Diegu Asproni

    Gòine (Nugoro)

    Cresia de Nostra Sennora de Balubirde

    15-16-17 de capitanni 2017

    Inauguratzione chenapura 15 a sas 4 de ortaedie

    Sapatu e dominica dae sa 10.00 a sas 19.00

    Presentat sa mostra: Bachisio Porru

    Boche de su canticu: Tomasella Calvisi

    Chin sa collaborazione de su Istituto per la storia dell’antifascismo e dell’Età contemporanea nella Sardegna centrale

    * * *

    SAS DIES DE SU DISTERRU

    I GIORNI DELL’ABBANDONO

    Prozetu de mustra de arte de Diegu Asproni, 2017

     

    Sa poetica.

    Fit unu tempus de pesta e de prepotentzia.

    Tempus de gherra e de tassas de pacare.

    Sas biddas si son isbuidadas; sa zente s’est posta in caminu, tempus bonu e malu, corcande in terra, perditas sas domos.

     

    Jeo conto sos passos de custos omines e feminas.

    Vido sos locos uve pasan.

    Pinto  s’animu e s’alenu de sa libertade, sos ocros vivos, s’allegria, su prantu, sa timòria.

    Jeo pinto custa Umanitate chi fughit dae s’ispreu.

     

    E sas biddas perditas, torro a vita, chin sa pintura mea.

     

    Sa mustra.

    Sas operas meas sono naschitas apompiande sos populos in caminu.

    E abaitande sas biddas nostras, sempres prus disabutas e irbandonadas.

     

    Chin custa matriche apo pesatu su travagliu meu.

    E apo collitu sos contos chi cherio contare, chin differentes tecnicas:

    pinturas, disignos,  isculturas.

     

    Sono omines e feminas in caminu.

    Friguras  tentas in sas fainas fitianas: andare, pasare, adescare sos minores.

    Pintande, apo cumintzatu a vestire sas friguras chin sos pannos de chimbichentos annos fachet. Paren omines de tando, ma contan de custas dies.

     

    Magoninde custos omines, so andatu a pessare a sa traschia antropologica chi at abutinadu sa Sardigna dae su 1300 a su 1500.

    In tempus de duos seculos, batrochentas biddas, fortzis seschentas, o de prus, s’isperden.

     

    De custas biddas, apo immazinatu sas domos e sas crejas.

    Paren biddas de ateru tempus, ma sono sas biddas de oje: sardas, curdas, africanas.

     

    Sas friguras pintas  venin dae custas terras, vestin sos matessi pannos, faeddan diferentes limbas e sa matessi luche lampat in sos ocros issoro: libertate e pache.

     

    Su locu de sa mustra.

    Su locu pessatu pro rendere publicu su travagliu meu est in Gòine acurzu a Nugoro, in sa cresiedda de Nostra Sennora de Balubirde.

    Inoche, intro de sa corte e in sa pratza, apo a isterrer telos, disignos e isculturas.

     

    Diegu Asproni

    Bitzi triulas 2017

     

     

    La poetica.

    La peste e la prepotenza non finivano mai.

    Anche la guerra continuava, con le tasse da pagare.

    I paesi venivano abbandonati; la gente si metteva in viaggio, con il sole e con la pioggia, dormiva all’aperto, senza riparo.

     

    Io ascolto i passi  di questi uomini e di queste donne.

    Li guardo mentre dormono.

    Dipingo la speranza e il soffio della libertà, gli sguardi vivi, la gioia, il pianto, la paura.

    Io dipingo una Umanità in fuga dallo spavento.

     

    E i villaggi persi, restituisco alla vita, con la mia pittura.

     

    La mostra.

    Ho realizzato i miei lavori guardando i popoli in cammino.

    E osservando i nostri paesi, sempre più spopolati e abbandonati.

     

    Con questo lievito ho impastato le mie opere.

    Così ho raccolto le storie che volevo raccontare, usando tecniche diverse:

    pittura, scultura, disegno.

     

    Sono uomini e donne in cammino.

    Figure colte nei movimenti quotidiani: andare, riposare, allattare i piccoli.

    Dipingendo, ho vestito le mie figure con stoffe di cinquecento anni fa. Sembrano uomini del passato, ma raccontano il nostro tempo.

     

    Plasmando queste figure, ho pensato al disastro antropologico che ha investito la Sardegna tra il 1300 e il 1500.

    Nell’arco di due secoli, quattrocento paesi, forse seicento o anche più, scompaiono.

     

    Di questi paesi, ho immaginato le case e le chiese.

    Sembrano villaggi del passato, ma sono i paesi di oggi: sardi, curdi, africani.

     

    Le figure dipinte vengono da questi luoghi, indossano gli stessi vestiti, parlano lingue diverse e la stessa luce brilla nei loro sguardi: libertà e pace.

     

    Su locu de sa mustra.

    Il luogo scelto per esporre il mio lavoro è la chiesetta di Nostra Sennora de Balubirde a Gòine, vicino a Nuoro.

    Qui, nel portico dietro la facciata in granito, vedo già le tele e le sculture, sistemate con rispetto e garbo.

     

    Diegu Asproni

    Bitti luglio 2017

     

    Tipologia: Eventi e News. Istituti associati. Mostra.

    Notizia inserita da:
    Istituto per la Storia dell’Antifascismo e dell’Età contemporanea nella Sardegna centrale

Accessibilità | Team | Credits | On line dal 17-12-2005