Notizie

Torna all’elenco delle notizie

  • Bergamo – venerdì 27 gennaio 2012, ore 17:30

    VENTISETTE GENNAIO DUEMILADODICI

    L’Isrec Bg  in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura, l’Anpi provinciale e la Lab80film di Bergamo, per il Giorno della Memoria 2012 ha deciso di puntare l’attenzione sulle questioni legate al razzismo, al rispetto delle alterità, all’esclusione, perché convinto siano temi urgenti per il nostro presente. Per fare questo si è pensato che il confronto con l’esperienza dei bambini ebrei perseguitati dal fascismo, potesse essere una strada feconda. Si è così cercato di approfondire il tema della Shoah italiana, prendendo la prospettiva dei bambini, considerando un tempo molto più lungo, non solo quello della deportazione, ma tutto il periodo che va dalle leggi razziali alla deportazione (1938-1945) e insistendo sulla storia del nostro paese. Le attività si articolano in una mostra, Di fronte agli occhi dei bambini, un laboratorio, Parole di bambini, uno spettacolo, Bambini.

    Di fronte agli occhi dei bambini | mostra | inaugurazione 27 gennaio 2012

    ideazione di Elisabetta Ruffini

    fotografie di Isabella Balena

    montaggio a cura di Lab80 e voce di Rosanna Sfragara

    Attraverso il montaggio delle fotografie di Isabella Balena, accompagnate dalle parole di chi, bambino, visse la persecuzione razziale fascista, viene creato, senza concessioni a parallelismi comodi e d’effetto, un dialogo tra immagini contemporanee, parole dei testimoni e approfondimenti storici, in cui concentrare la riflessione e l’emozione.

    Durante l’apertura della mostra verrà organizzato un incontro con Sara Valentina Di Palma, Università degli studi di Siena, dal titolo La shoah nello sguardo dei bambini

    Parole di bambini | laboratori a cura dell’Isrec

    Un percorso attraverso le testimonianze dei bambini italiani definiti per legge ebrei ricostruisce la storia della Shoah italiana, mettendo in luce l’esperienza dell’emarginazione dalla vita collettiva, della solidarietà quotidiana che salva e dell’indifferenza che uccide.
    Il laboratorio è suddiviso in due momenti:
    introduzione storica e presentazione delle testimonianze oggetto del lavoro laboratoriale
    laboratori di creazione di memoria: i partecipanti divisi in gruppi sono sollecitati e aiutati a  pensare forme e modi per lasciare una traccia delle storie che hanno imparato e ricevuto in eredità.
    durata: 2h 30
    Laboratorio consigliato per le ultime classi delle elementari e per le classi medie. Il laboratorio deve essere prenotato al 035 23 88 49 e può essere effettuato all’interno della mostra o in altre sedi.

    Bambini | spettacolo di narrazione in collaborazione con Associazione Armilla

    di Rosanna Sfragara e Elisabetta Ruffini

    con Rosanna Sfragara

    Le vicende dei bambini italiani emarginati dalle leggi razziali, negli anni del fascismo, dicono l’indifferenza che uccide e la solidarietà che salva, nella quotidianità dei giorni.
    Le voci di narratori-bambini invitano piccoli e grandi di oggi a costruire col passato un rapporto vivo. Perché la memoria va allenata: aiuta a crescere e insegna a coltivare la libertà, che è potere di scegliere e di cambiare le cose in meglio.
    28 e 29 gennaio 2012, ore 16:30
    2 febbraio 2012, ore 14:30
    Durata: 50 min
    Consigliato per ragazzi dagli 9 ai 13 anni e famiglie
    Ingresso libero, prenotazione obbligatoria, al 035 23 88 49. Su prenotazione tutti gli altri giorni di apertura della mostra oppure in altre sedi.
    27 gennaio 2012





     

    Tipologia: Educazione alla cittadinanza. Eventi e News. Formazione. Giorno della memoria. Ricorrenze.

    Notizia inserita da:
    Istituto bergamasco per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea

CAS
stampa clandestina
Privacy&Cookie | Accessibilità | Team | Credits | On line dal 17-12-2005