RINVIATO – La difficile sfida delle migrazioni nell’Italia repubblicana

Attenzione! L’incontro è rinviato a data da destinarsi. Ci scusiamo per l’inconveniente

Quali sono le dinamiche sociali, culturali e legislative che hanno caratterizzato la politica migratoria italiana dal 1945 ad oggi?

Ne parliamo con Michele Colucci, autore del volume: Storia dell’immigrazione straniera in Italia. Dal 1945 ai nostri giorni (Carocci, 2018)

Conduce: Federico Chiaricati (Istituto Storico Parri)

Incontro rinviato

Ingresso libero

Caporalato ieri, oggi, domani. Incontro con Stefano Iucci

Il caporalato è un fenomeno attualissimo. Attori e vittime sono, però, diversi rispetto al passato: i braccianti sono quasi tutti stranieri, africani in maggioranza, e così i nuovi caporali “etnici” che provengono dalle medesime comunità degli sfruttati ma arrivano spesso a ridurre spietatamente in schiavitù i loro sottoposti. L’intermediazione illecita di manodopera va ormai oltre le campagne ed è approdata – dopo l’edilizia – anche nel mondo della gig economy, in particolare nel settore dei riders.

Una novità positiva, però, c’è: la legge 199 del 2016 ha finalmente introdotto nel nostro paese il reato di caporalato. La legge – oltre ad aver reso più agevole la repressione – ha introdotto alcune novità di rilievo, tese a ridurre quei “bisogni” su cui il caporalato prospera: la necessità di trovare manodopera in tempo rapido, il trasporto quotidiano delle persone nei campi, l’alloggio.

Per il ciclo di incontri “Il filo del discorso” Emanuela GARIMBERTI e Agnese PORTINCASA discutono del tema con il giornalista Stefano IUCCI, curatore delle opere “Il lavoro e i giorni” (2008, con Mario Desiati) e “Consiglio di classe” (2009, con Angelo Ferracuti).

Venerdì 21 febbraio 2020, ore 17.30, Sala proiezioni dell’Istituto Storico Parri, via Sant’Isaia 18 – Bologna

Ingresso libero

Generazioni sconfitte? Militanti e movimenti di protesta nell’Italia repubblicana

Dagli anni ’60 del Novecento i movimenti extraparlamentari hanno conquistato spazi d’azione in Italia condizionando l’agenda politica, andando incontro a vittorie e sconfitte. E’ possibile tracciare un bilancio di queste esperienze? Che impatto hanno avuto i movimenti nella storia del nostro paese? Cosa resta delle idee di quelle stagioni? In occasione della presentazione del libro, curato da Antonio Benci, “La generazione che ha perso. Attilio Mangano: il militante, lo studioso, l’uomo” (Centro documentazione Pistoia editore) ne parliamo con: Cinzia Venturoli (Università di Bologna) e Antonio Benci (Centro Documentazione di Pistoia)

Conduce: Fabrizio Billi (Archivio Marco Pezzi)

L’incontro si terrà venerdì 7 febbraio 2020, alle ore 18, presso la sede dell’Istituto Storico Parri, via Sant’Isaia 18 – Bologna

Ingresso libero.

80 storia da raccontare – Corso sulla storia degli anni ’80 all’Istituto Parri di Bologna

80 storia da raccontare è un corso di formazione docenti dedicato agli Anni Ottanta del Novecento in una prospettiva aperta a una scala territoriale ampia e fluida in cui locale, nazionale, europeo e globale dialogano costantemente. Alcuni eventi-chiave saranno utilizzati per approfondire temi quali la parte conclusiva della guerra fredda, il neo-liberismo e il mutamento del mercato del lavoro, la fine della Prima Repubblica, ma anche la profonda trasformazione della cultura di massa e la crescita del tema ambientale. Il corso, di 24 ore complessive, si terrà da febbraio a maggio 2020 e prevede una serie di incontri tematici seguiti da workshop e da azioni di tutoraggio per la progettazione di moduli didattici dedicati. Gli incontri si terranno presso la sede dell’Istituto Parri di Bologna in via Sant’Isaia 18, dalle ore 15,00  alle 18,00.

Programma:

3 febbraio 2020 Il mondo globale - Federico ROMERO, Istituto Universitario Europeo;

10 febbraio 2020 Gli anni Ottanta in Italia - Mirco DONDI, Università di Bologna;

Rinviato: 25 febbraio 2020 Consumi e società - Stefano CAVAZZA, Università di Bologna; Incontro rinviato a data da destinarsi

Rinviato: 4 marzo 2020 Storia e media - Riccardo BRIZZI, Università di Bologna; incontro rinviato a data da destinarsi

12 marzo 2020 Il tema ambientale - Gabriella CORONA, Consiglio Nazionale delle Ricerche;

Per informazioni e iscrizioni contattare Agnese Portincasa, direttrice Area didattica dell’Istituto Parri: agnese.portincasa@istitutoparri.it

I militari italiani nei lager nazisti – Presentazione del libro di Avagliano e Palmieri

Mario Avagliano, Marco Palmieri, I militari italiani nei lager nazisti. Una resistenza senz’armi (1943-1945) (ed. Il Mulino, 2020)

La storia degli IMI (internati militari italiani) è la storia dei circa 650mila soldati che, dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, furono catturati e deportati dai tedeschi. L’offerta di aderire alle SS o alla repubblica di Salò ed essere rimpatriati fu accettata solo da una piccola parte; la massa scelse di rimanere prigioniera nei lager, come autentico atto di resistenza. Grazie a una ricchissima mole di diari, lettere e testimonianze dirette, edite e ancor più inedite, il libro ne racconta la vicenda complessiva, dalla cattura alla liberazione e al ritorno, scoprendo anche aspetti poco noti della violenza nei lager, nei campi di lavoro coatto e di punizione, del loro bagaglio di ideali e di umanità, del rapporto con la popolazione civile e con le donne. Una pagina a lungo trascurata e sottovalutata recuperata qui, attraverso le voci dei protagonisti, in un quadro vivido e dettagliato.

Presentazione del volume giovedì 30 gennaio, alle ore 18, presso la sede dell’Istituto Storico Parri, via Sant’Isaia 18 – Bologna

Mario Avagliano dialoga con Luca Bottura, Federico Chiaricati, Rossella Ropa, Silvana Vialli e Bruno Vialli.

Interventi di Giacomo Manzoli, Fabrizio Tosi e Anna Cocchi.

Ingresso libero.

Antropologia della memoria. Il ricordo come fatto culturale – Presentazione del libro di Caterina Di Pasquale

Presentazione del libro Antropologia della memoria. Il ricordo come fatto culturale di Caterina Di Pasquale (Il Mulino, 2019).

Negli ultimi quarant’anni la memoria è metaforicamente esplosa nella scena pubblica ed è diventata protagonista del dibattito quotidiano. L’autrice racconta la nascita dei memory studies (2008) e i tentativi di definire un campo di studi multidisciplinare; ripercorre le retoriche, i luoghi comuni, gli stereotipi e i pregiudizi, i sottintesi che hanno condizionato tanto il discorso scientifico quanto quello comune. Propone una riflessione antropologica del ricordare come pratica culturale “impura” e creativa. Una pratica che unisce patrimoni, commemorazioni, testimonianze, amnesie e rievocazioni, ma crea disordine fra i diversi tentativi di classificare realtà esperienze e vissuti.

Ne discute con l’autrice Cristina Demaria (Università di Bologna).

La presentazione si terrà giovedì 23 gennaio 2020, alle 17.30, presso la sala proiezioni dell’Istituto Storico Parri, via Sant’Isaia 18 – Bologna.

Ingresso libero.

Il marchio dei diversi. Quattro storie per non dimenticare la lezione di Auschwitz

Mercoledì 18 dicembre, alle 16.30, l’Istituto Parri di Bologna ospita la presentazione del libro Il marchio dei diversi di Emilio Drudi. L’autore ha intervistato Ruth Mussafia Weimberg, Ruth Rothmuller Cohen, Eli Zohar e Bianca Schlesinger. Quattro persone, quattro storie, quattro ebrei di origine slava. Le loro sono testimonianze d’accusa per quanto sta accadendo oggi attorno a noi. Perché la lezione di Auschwitz sembra già dimenticata.

Ne parliamo con Emilio Drudi (autore del libro e giornalista), conduce Guido Armellini (insegnante).

Il marchio dei diversi. Quattro storie per non dimenticare la lezione di Auschwitz. Presentazione mercoledì 18 dicembre alle ore 15,30, sala proiezioni dell’Istituto Parri, via Sant’Isaia 18, Bologna

In viaggio con Checco. I ricordi in 8 mm di Francesco Berti Arnoaldi Veli

Presentazione della prima piattaforma italiana dedicata al cinema privato, che permetterà l’accesso agli archivi di Home Movies: un punto di vista originale sulla storia del Novecento. Intervengono: Giacomo Manzoli (Presidente Istituto Storico parri) e Paolo Simoni (Home Movies).

A seguire proiezione di:

In viaggio con Checco. I ricordi in 8 mm di Francesco Berti Arnoaldi Veli 

Con Giuliano e Ugo Berti, figli di Francesco Berti Arnoaldi Veli

Francesco Berti Arnoaldi Veli, avvocato partigiano, scomparso ormai un anno fa, è stato una figura di riferimento dell’Italia democratica di ieri, oggi e domani, appassionato scrittore, fotografo e cineamatore.

Le pellicole sono state recuperate da Home Movies e Istituto Storico Parri, di cui Francesco Berti Arnoaldi Veli è stato a lungo presidente.

Segue aperitivo.

Venerdì 6 dicembre, ore 18.30, sala proiezioni dell’Istituto Parri, via Sant’Isaia 18 – Bologna

Intervista sul populismo. Cos’era ieri, cosa è diventato oggi

Che cosa è il populismo? Come è cambiato nel corso del Novecento? Quale è il suo peso nell’Italia del presente?

Ne parliamo con Loris Zanatta, docente di Storia dell’America Latina e Storia internazionale all’Università degli studi di Bologna e autore del saggio Il populismo, Carrocci 2013.

Conducono: Agnese Portincasa e Filippo Mattia Ferrara (Istituto Parri)

Lunedì 2 dicembre, h. 17, sala proiezioni dell’Istituto Parri, via Sant’Isaia 18 – Bologna

Ingresso libero.

Ritorno alle origini. La nascita del fascismo: storiografia e nuove prospettive di ricerca

Storici a confronto in una giornata di studi sulle origini del fascismo.

Programma:

10:30 – 13:30: I sessione. Coordina Matteo Pasetti

Alberto De Bernardi, I «classici» della storiografia;  

Guido Melis, Continuità e rottura nelle istituzioni; 

14:30-18:00: II sessione. Coordina Alessio Gagliardi 

Giulia Albanese, Ripensare (di nuovo) la violenza; 

Patrizia Dogliani, Avanguardie e valori nazionali: intellettuali ed artisti nel primo fascismo; 

Tommaso Baris, Dai fascismi al fascismo: il rapporto centro-periferia; 

Partecipano alla discussione: Andrea Baravelli, Monica Cioli, Brunella Dalla Casa, Valeria Galimi, Guido Panvini, Pietro Pinna, Alberto Preti, Toni Rovatti.

 

L’incontro si terrà presso l’aula Lucio Gambi del Dipartimento di Storia culture civiltà – Unibo, Piazza San Giovanni in Monte, 2 – Bologna.

 

Organizzazione scientifica: Alberto De Bernardi, Patrizia Dogliani, Alessio Gagliardi, Matteo Pasetti, Alberto Preti.