“Quando il cielo era diviso” Mostra documentaria per il 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino

mostra-cielodiviso_2019_copertina-copiaMostraQuando il cielo era diviso”
Biblioteca Oriani Ravenna dal 5 al 14 novembre  2019
Biblioteca Goia di Cervia dal 16 novembre all’ 8 dicembre

Allestita in occasione del 30° anniversario della caduta del muro di Berlino, la mostra illustra la storia del muro all’interno delle più ampie vicende europee tra il 1945 e il 1989. Ripercorre in undici pannelli corredati di testi e di numerose foto, cartine e documenti d’epoca, la storia drammatica del Muro di Berlino all’interno della vicenda più generale della Guerra Fredda in Europa, dalla fine del Secondo conflitto mondiale sino alla riunificazione della Germania.

La mostra sarà visitabile negli orari di apertura delle biblioteche.

Presentazione del volume “Lavorare d’impegno. Benigno Zaccagnini e la città di Ravenna”

Il 16 novembre alle ore 10 presso la sala Corelli del Teatro Alighieri verrà presentato il libro “Lavorare d’impegno. Benigno Zaccagnini e la città di Ravenna”.

Il libro, curato dall’Istituto Storico di Ravenna per incarico del Comune di Ravenna, copertina-libro-zaccagniniapprofondisce il rapporto tra Zaccagnini e Ravenna, trattando gli anni giovanili, il periodo della Resistenza e il lungo periodo dell’Italia democratica, quando in più occasioni si spese a favore del suo territorio.

Interverranno il sindaco Michele De Pascale, gli autori Tito Menzani, Matteo Pezzani e Salvatore Tagliaverga, e Aldo Preda del Centro Studi Donati.

Il volume esce per i tipi dell’editore Longo, con il sostegno della Banca di Credito Cooperativo ravennate forlivese e imolese.

Ravenna, martedì 21 aprile 2015. Presentazione del volume “L’eredità della guerra. Fonti e interpretazioni per una storia della provincia di Ravenna negli anni 1940-1948″

EreditàGuerra_Presentazione

 

 

 

 

Martedì 21 aprile 2015, ore 17.30

Ravenna, Sala Muratori della Biblioteca Classense

Presentazione del volume

L’eredità della guerra. Fonti e interpretazioni per una storia della provincia di Ravenna negli anni 1940-1948 (Longo Editore)

Saluto di Fabrizio Matteucci, Sindaco di Ravenna

Interventi degli autori

Pietro Albonetti, Matteo Banzola, Andrea Baravelli, Raffaella Biscioni, Alessandro Luparini, Tito Menzani
Coordina

Giuseppe Masetti, direttore Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in Ravenna e Provincia

Ravenna, 17 novembre 2012 – “La guerra segreta. Partigiani e servizi di informazione alleati nell’Italia occupata (1943-1945)”.

Ravenna Sala “Nullo Baldini” (via Guaccimanni 10).

ore 9.00-10.30 Presentazione del volume La guerra sulla pelle. Servizi segreti Alleati e Resistenza nel racconto dell’agente ORI-OSS Ennio Tassinari, a cura di Davide Angeli, Milano, Unicopli, 2012.
Incontro con le scuole. Gli autori del volume intervistano il protagonista.

ore 10.30 Saluti istituzionali di
Giannatonio Mingozzi – Vicesindaco di Ravenna
Lorenzo Lugli – Sindaco di Fanano(Modena)
Massimo Mezzetti – Assessore alla Cultura Regione Emilia Romagna

Tavola rotonda
Marco Minardi – ISR Parma
Giuseppe Masetti – ISR Ravenna
Claudio Silingardi – ISR Modena

Coordina e conclude
Alberto De Bernardi Università di Bologna e presidente Istituto storico “F. Parri” Bologna

Iniziativa realizzata dagli Istituti storici di Ravenna e Modena con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, Provincia di Ravenna e Comune di Ravenna.

Giorno del Ricordo 2012 – L’Istituto Storico di Ravenna presenta in anteprima il documentario “Esuli. Storie di profughi istriani, giuliani e dalmati giunti nella provincia di Ravenna” “

Venerdì 24 febbraio 2012, ore 17.00, presso la Sala “N. Baldini” – via Guaccimanni 10 RAVENNA

presentazione in anteprima del documentario

Esuli.

Storie di profughi istriani, giuliani e dalmati giunti nella provincia di Ravenna.

Realizzato da Michele Bentini

per conto dell’Istituto Storico della Resistenza di Ravenna

La Legge del 30 marzo 2004 n.° 92 che istituisce il Giorno del Ricordo, prevede che si commemori, oltre alle vittime delle foibe, l’esodo giuliano-dalmata, avvenuto in anni difficilissimi anche per il nostro Paese appena uscito dalla Seconda guerra mondiale.

Il documentario, della durata di 65 minuti, ripercorre quella drammatica esperienza attraverso le testimonianze di otto profughi giunti nella provincia di Ravenna tra il 1946 e il 1961. L’articolazione della narrazione in aree tematiche, che si sviluppa per tappe ordinate cronologicamente, racconta le vite degli intervistati dai primi anni di infanzia, nei territori ancora italiani, fino alla decisione di lasciare la propria casa. L’arrivo nella provincia di Ravenna, dopo l’esperienza del campo profughi, coincide con l’inizio di una nuova vita. Soprattutto l’integrazione coi romagnoli è la prova più ardua per questi esuli, che si portano appresso la nomea di “fascisti” e devono giustificare le agevolazioni nel lavoro e nell’assegnazione delle case popolari. Nonostante l’esodo sia una ferita ancora aperta, tutte le vicissitudini passate sono viste dai profughi come una crescita personale e come un arricchimento culturale da portare nella comunità ravennate, in cui ora sono completamente integrati, pur difendendo con orgoglio la propria alterità.

L’iniziativa si avvale del patrocinio del Comune e della Provincia di Ravenna.

Saranno presenti Claudio Casadio (Presidente della Provincia di Ravenna),  Giannantonio Mingozzi (Vice-sindaco di Ravenna), Bruno Corda (Prefetto della Provincia di Ravenna).

Mostra: “Disegna ciò che vedi. Helga Weissowá: da Terezín i disegni di una bambina”

Venerdì 27 gennaio 2012, ore 10.30, presso il Museo della Battaglia del Senio inaugurazione della mostra Disegna ciò che vedi. Helga Weissowá: da Terezín i disegni di una bambina.

Mostra organizzata dal Comune di Alfonsine e dall’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età contemporanea in Ravenna e Provincia.

L’esposizione resterà aperta al pubblico fino al 20 febbraio e sarà visitabile dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 14 alle ore 17.

Mostra distribuita in esclusiva da Pro Forma Memoria.

In occasione della Giornata della Memoria 2012 l’Istituto Storico di Ravenna presenta il volume: “Stella Rossa a Majdanek. Documenti inediti sulla Shoah.”

Mercoledì 15 febbraio 2012, ore 20.45, presso il Centro Culturale “Il Granaio” – Piazza Corelli, 16 FUSIGNANO

presentazione in anteprima del volume

«Stella Rossa» a Majdanek.

Documenti inediti sulla Shoah.

a cura di Marco Serena

Nucleo centrale della pubblicazione è la traduzione dattiloscritta di due articoli apparsi su un numero speciale dell’agosto 1944 del giornale sovietico «Stella Rossa» (Krasnaïa Zvezda). Il primo, quello di maggior lunghezza, è una descrizione analitica, a firma del celebre corrispondente speciale Konstantin Simonov, del campo di sterminio di Majdanek all’indomani della liberazione. Il secondo è invece una sorta di affidavit del generale delle SS Hilmar Moser, comandante della Feldkommandantur del distretto di Lublino (ove sorgeva il campo di Majdanek), col quale egli cercava di scagionare sé stesso da ogni responsabilità diretta nei crimini perpetrati nel campo. Tali documenti sono giunti sino a noi grazie a Nello Santolini, un IMI romagnolo prigioniero in Germania (nello M-Stammlager III D di Berlino-Salzhof) che ne entrò in possesso nell’estate 1945 e li recò con sé al suo rientro in Italia. Il volume si compone dunque di una introduzione generale, di spiegazione e contestualizzazione delle vicende e dei personaggi, dei testi suddetti (corredati da note esplicative), del testo originale in lingua inglese del raro opuscolo The death factory near Lublin di Simonov, della postfazione del prof. Francesco Maria Feltri, di un’appendice iconografica e cartografica.

Corso di formazione docenti “La mappa del Tesoro. Un percorso tra le risorse e gli itinerari storici della provincia di Ravenna”.

Sono aperte le iscrizioni al corso di formazione docenti:

LA MAPPA DEL TESORO.
Un percorso tra le risorse
e gli itinerari storici della provincia di Ravenna.

Il corso, organizzato dall’Istituto Storico della Resistenza di Ravenna, riconosciuto dall’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna (Ufficio XV- Ambito territoriale per la provincia di Ravenna) in collaborazione con DiPaSt (Centro internazionale di Didattica della Storia e del Patrimonio), è rivolto ai docenti di tutti gli ordini scolastici.

Il corso, della durata complessiva di otto ore, si svolgerà a Ravenna presso gli Archivi del Novecento (via di Roma, 167).
Orari: 17.30-19.30

Programma

Lunedì 6 febbraio 2012
Prof. Rolando Dondarini (docente DiPaSt – Università di Bologna), Elementi per la didattica del patrimonio storico-artistico.

Lunedì 13 febbraio 2012
Prof. Gian Luigi Melandri (docente ISREC), Dott. Giuseppe Masetti (direttore ISREC), I luoghi per la storia del Novecento.
Lunedì 20 febbraio 2012
Dott.ssa Patrizia Carroli (archivista), Metodologie per una didattica d’archivio.

Lunedì 27 febbraio 2012
Dott. Alessandro Luparini (storico ISREC), Percorso nelle fonti documentarie per la storia della provincia di Ravenna nel Novecento.

Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di frequenza.

Mostra: “Disegna ciò che vedi. Helga Weissowá: da Terezín i disegni di una bambina”

Venerdì 25 gennaio 2012, ore 17.00, presso le Pescherie della Rocca di Lugo inaugurazione della mostra Disegna ciò che vedi. Helga Weissowá: da Terezín i disegni di una bambina.

Mostra organizzata dal Comune di  Lugo (in collaborazione con l’ANPI, L’Università per gli Adulti, l’Avis e l’Aido di Lugo) e dall’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età contemporanea in Ravenna e Provincia.

L’esposizione resterà aperta al pubblico fino al 29 gennaio e sarà visitabile dal lunedì al venerdì dalle ore 15.30 alle ore 18.00, il sabato e la domenica: ore 10.00-12.00, 15.30-18.00.

Mostra distribuita in esclusiva da Pro Forma Memoria.

Mostra: “1938 Le leggi razziali in Italia. Tra collaborazionismo e indifferenza”

Presso la Sala del Consiglio comunale mostra 1938 Le leggi razziali in Italia. Tra collaborazionismo e indifferenza.
Mostra documentaria a cura dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in Ravenna e Provincia.

La mostra resterà aperta da 20 al 28 gennaio 2012 con i seguenti orari:
dal 20 al 22 gennaio: 9.00-13.00 e 14.30-18.00
dal 23 al 28 gennaio: 9.00-13.00