Oristano. Il Meridione per la Liberazione d’Italia

ANPI Segreteria nazionale – Coordinamento regionale – Comitato provinciale di Oristano

Comune di Oristano

ISTASAC Istituto per la Storia dell’Antifascismo e dell’Età contemporanea nella Sardegna centrale

Il MERIDIONE PER LA LIBERAZIONE D’ITALIA (1943-1945)

 Saluti:

  • Marco Sini, coordinatore regionale dell’ANPI
  • Giuseppe Guetto, Prefetto i oristano
  • Andrea Lutzu, Sindaco di Oristano

Relazioni

Alberto De BERNARDI, Vice presidente Istituto nazionale Ferruccio Parri -  Meridionali nella Resistenza, Resistenza nel Meridione

Aldo Borghesi, ISTASAC – Sardi nella Resistenza fra storia e memoria;

Carla COSSU, Presidente Comitato provinciale ANPI Oristano – Oristanesi nella Resistenza 1943-1945

Dibattito

Introduce, coordina e conclude: Vincenzo CALÒ, Responsabile Area Sud – Comitato Nazionale ANPI

Hospitalis Sancti Antoni  -  Via Sant’Antonio – Oristano

Sabato 20 aprile 2018 – ore 17.30

Nuoro. La partecipazione dei meridionali alla Liberazione

ANPI Sardegna   -   ANPI Comitato provinciale di Nuoro   -   ISTASAC

Con il patrocinio di

Prefettura di Nuoro   -   Comune di Nuoro

Presentazione del volume

LA PARTECIPAZIONE DEL MEZZOGIORNO ALLA LIBERAZIONE D’ITALIA (1943-1945)

a cura di Enzo Fimiani (Le Monnier, 2016)

Saluti istituzionali:

  • Carolina BELLANTONI, Prefetto Di Nuoro
  • Andrea SODDU, Sindaco di Nuoro
  • Marco SINI, Coordinatore regionale dell’ANPI
  • Graziano PINTORI, Presidente Comitato Provinciale ANPI Nuoro

Relazioni:

  • Alberto De BERNARDI, Vice presidente Istituto nazionale Ferruccio Parri -  Meridionali nella Resistenza, Resistenza nel Meridione;
  • Aldo Borghesi, ISTASAC – Nuoresi e barbaricini nella Resistenza;
  • Marina Moncelsi, ISTASAC – La Resistenza degli Internati Militari sardi.

Dibattito

Conclusioni: Vincenzo CALÒ, Direzione nazionale ANPI

Aula Magna dell’Istituto Tecnico Commerciale G.P. Chironi   -   via Toscana 29 – NUORO

Venerdì 20 aprile 2018 – ore 18.00

Cagliari. I meridionali… e i sardi nella Liberazione dal nazifascismo

ISTASAC   -   ANPI Sardegna

Giovedì 19 Aprile 2018 – Ore 17.30

Sala della Fondazione di Sardegna, Via San Salvatore da Horta 2 – CAGLIARI

Conferenza

“I meridionali…e i sardi nella Resistenza per la Liberazione dal nazifascismo (1943-45)”

Coordina  Marco Sini, Presidente Comitato Prov.le ANPI  Cagliari

Saluti

Franco Boi, Presidente dell’UAPS e Maurizio Orrù -  Segr. ANPPIA Sardegna.

 Relazioni

Alberto De Bernardi, Vice presidente Istituto nazionale Ferruccio Parri – “Meridionali nella Resistenza, Resistenza nel Meridione”.

Aldo Borghesi, ISTASAC – “La Resistenza dei sardi” –

 Dibattito

 Conclusioni Piero Cossu, Vice Presidente Nazionale ANPI

Le immagini di quei giorni

Le immagini di quei giorni

Casa della Memoria

h 18:30

leimmaginidiqueigiorni_MilanoPhotoWeek

Alla fotografia è sempre stato assegnato un ruolo documentale assai importante nel racconto delle vicende italiana tra il settembre 1943 e l’aprile 1945. Tra i documenti pervenuti, relativi alla guerra partigiana, le immagini hanno fin dal principio svolto il compito non facile di restituire con immediatezza la fisicità di quei giorni e le infinite sfaccettature ambientali e umane di quel processo di riscatto morale del Paese a opera di chi aveva scelto di impugnare le armi e combattere per porre fine alla guerra e alla drammatica esperienza politica dei fascismi in Italia, in Europa e nel mondo intero.
Non è possibile anche solo pensare che le fotografie possano da sole fornire a questo racconto un carattere esaustivo. Così, d’altra parte, è per tutti i tipi di documenti storici disponibili. Di certo però vi è il fatto che le immagini – da che si è deciso di interrogarle adeguatamente – hanno rivelato spazi di conoscenza inesplorati e continuano ad aprire nuovi campi di indagine.

via Confalonieri 14

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Manifestazioni 25 aprile

Manifestazioni per il

25 APRILE 2017

Comune di Nuoro

in collaborazione con ANPI – Comitato provinciale Nuoro  ;  ISTASAC

Omaggio alla tomba del partigiano Antonio Mereu

ed alla memoria dei Combattenti per la Libertà

25 aprile 2017, ore 11.00  -  Cimitero di Nuoro

*   *   *

Città di Oristano

Presentazione

Atlante dei partigiani della provincia di Oristano

Saluti:

Guido Tendas –  sindaco della Città di Oristano;

Maria Obinu, Emilio Naitza – assessori comunali

Roberta Manca – segretario provinciale della CGIL

Carla Cossu –  presidente del Comitato provinciale ANPI di Oristano

Aldo Borghesi – direttore ISTASAC

25 aprile 2017, ore 18.00

Sala consiliare (palazzo degli Scolopi, piazza Eleonora di Arborea)  -  Oristano

L’Atlante è consultabile all’indirizzo web oristano.anpi.it

*   *   *

80. anniversario della morte di Antonio Gramsci

ISTASAC

In collaborazione con Comune di Nuoro  -  Fondazione di Sardegna

L’albero del riccio

Antonio Gramsci dal bambino all’adulto

di e con Giovanni Carroni

venerdì 27 aprile 2017, ore 20.30

Nuovo Teatro Bocheteatro (viale Trieste 48 – Nuoro)

Atlante dei partigiani della provincia di Oristano

Il 25 aprile è stato presentato ad Oristano, presso la Sala consiliare del Comune, l’Atlante dei partigiani della provincia di Oristano. Si tratta di una realizzazione comune del Comitato provinciale oristanese dell’ANPI e dell’Istituto per la Storia dell’Antifascismo e dell’Età contemporanea nella Sardegna centrale, sostenuta e patrocinata dal Comune di Oristano e dalla Segreteria territoriale della CGIL.

Un pieghevole raccoglie i nomi di 108 nomi di combattenti della Resistenza nati in 50 dei 58 comuni della provincia. Per ciascuno vengono inoltre indicati la classe e la formazione di appartenenza, la qualifica partigiana riconosciuta, il nome di battaglia, le decorazioni e le fonti utilizzate. Gli stessi dati vengono riportati in una mappa interattiva consultabile nel sito web dell’ANPI di Oristano oristano.anpi.it , che verrà aggiornata con ulteriori dati e nominativi.

Si tratta della prima ricostruzione sistematica a livello provinciale del contributo offerto dalla Sardegna alla lotta di Resistenza, che si inquadra nel lavoro di ricerca sulla presenza dei meridionali nel partigianato dell’Alta Italia, ed è stata effettuata sulla base di dati provenienti sia dagli studi finora pubblicati (in particolare quelli di Simone Sechi e Dario Porcheddu), sia dalle nuove fonti costituite dalle Banche dati rese disponibili dagli Istituti Storici della Resistenza per il Piemonte, la Toscana, l’Emilia Romagna e, ultimamente, la Liguria. Dall’Atlante esce un quadro articolato della partecipazione del territorio alal lotta partigiana, sotto il profilo sia della distribuzione territoriale (molti sono i partigiani all’estero, soprattutto nelle file della Divisione partigiana italiana Garibaldi in Jugoslavia), sia delle formazioni (con una distribuzione equilibrata che vede una leggera preponderanza garibaldina), sia delle provenienze sociali. In particolare, è da notare la forte presenza, accanto ai moltissimi sbandati, di militari in servizio permanente, in particolare carabinieri e Guardie di Finanza, che rappresentano circa la metà del totale. Spiccano alcune figure di grande rilevanza, come la Medaglia d’Oro Pietro Carboni, sottufficiale della R.Marina nativo di Paulilatino, eroe della Resistenza a Creta; l’antifascista Flavio Busonera, impiccato a Padova il 17 agosto 1944, Medaglia d’Argento della Resistenza;  gli ufficiali del R.Esercito Vincenzo e Mario Ardu, padre e figlio, entrambi partigiani delle Formazioni Mauri piemontesi ed entrambi scomparsi nella lotta; il magistrato Cosimo Orrù, da San Vero Milis, membro del CLN di Busto Arrsizio caduto in Lager; Alfredo Gallistru, da Ruinas, partigiano caduto in Maremma ed anche lui decorato di Medaglia d’Argento alla memoria. E con essi una folla di partigiani, patrioti, collaboratori della Resistenza i cui nomi escono finalmente dall’ombra e vengono restituiti alla memoria ed alla coscienza delle loro comunità

L’iniziativa ha suscitato localmente un interesse che si è concretizzato – e tali erano le speranze di chi l’ha realizzata – nell’invio di numerose indicazioni, integrazioni, correzioni. Essi consentiranno un ampliamento ed un aggiornamento continuo di un prodotto realizzato con criteri di serietà e rigore scientifico, che come tale costituisce un valido strumento di ricerca e approfondimento.

1945-1946 (QUASI) TUTTI A CASA

1945-1946 (QUASI) TUTTI A CASA

«…ERA LA VITA. QUELLA DI PRIMA. MA NON PER TUTTI…»

La guerra, la Liberazione, la pace, il processo di Norimberga

 Reading con musiche dal vivo

Testo di Valeria Palumbo

Con Walter Colombo, Sonia Grandis, Carlo Rotondo e Paola Salvi

 A CURA DELL’ISTITUTO LOMBARDO DI STORIA CONTEMPORANEA

            Organizzazione di Simone Campanozzi

Sabato 21 gennaio 2017, ore 17.00

CASA DELLA MEMORIA via Federico Confalonieri 14, Milano – MM5 Isola

INVITO TUTTI A CASA

1945-1946 (quasi) tutti a casa

BOOKCITY MILANO 2016

1945-1946 (QUASI) TUTTI A CASA.

«… ERA LA VITA. QUELLA DI PRIMA. MA NON PER TUTTI…»

La guerra, la Liberazione, la pace, il processo di Norimberga

Reading con musiche dal vivo di Valeria Palumbo

con Walter Colombo, Sonia Grandis, Carlo Rotondo e Paola Salvi

Introduzione di Simone Campanozzi

20 novembre 2016, Casa della Memoria ore 19,00

locandina#BCM2016 (1)

 

#BCM2016 – E fummo liberi (1943-1945)

Bookcity Milano 2016

E fummo liberi 1943-1945

Reading di Valeria Palumbo, musiche dal vivo di Carlo Rotondo

Introduzone storica a cura di Simone Campanozzi

16 novembre 2016, Istituto Schiaparelli di Milano