Cantieri “Resistenza e storia d’Italia” 2019 – I edizione

Casa della memoria
via Federico Confalonieri 14, Milano
M5 Isola – M2 Gioia

Cantieri “Resistenza e storia d’Italia”
2019 – I edizione

L’Istituto Nazionale “Ferruccio Parri” organizza la prima edizione dei Cantieri “Resistenza e storia d’Italia”, che si terrà a Milano, presso la Casa della Memoria, l’11 e 12 ottobre prossimi.

Nel corso dei Cantieri verranno presentate alcune ricerche in corso sulla storia della Resistenza; e alcuni progetti della rete Parri sull’anniversario del Sessantotto.

Soprattutto, verrà conferito nell’occasione il Premio “Claudio Pavone” per ricerche inedite sulla Resistenza.

Venerdì 11 ottobre, ore 10.30

Presiede: Filippo Focardi, Direttore scientifico dell’Istituto Nazionale “Ferruccio Parri”

10.30 Saluti di Paolo Pezzino, Presidente dell’Istituto Nazionale “Ferruccio Parri” e Lamberto Bertolè, Presidente del Consiglio Comunale di Milano

10.45 Lezione di Luca Baldissara (Università di Pisa)
Resistenza e storia d’Italia

11.45 Presentazione di 2 proposte di ricerca del Bando Pavone:

Nicola Cacciatore
Indizi di cooperazione: le relazioni tra forze britanniche e partigiani italiani

Fabrizio Nocera
Bande partigiane tra Abruzzo e Molise lungo la linea Gustav

12.45 Pranzo

14.15 Presentazione di 4 proposte di ricerca del Bando Pavone:

Chiara Dogliotti
Una famiglia partigiana. Percorsi culturali, esistenziali e politici dall’antifascismo alla guerra fredda, tra resistenza civile, politica e militare

Chiara Donati
I partigiani al lavoro. Dalle aspettative al re/inserimento: implicazioni economiche, in/capacità di adattamento, disc/continuità di scelte

Roberta Mira
Reti di resistenza nei campi di concentramento di Fossoli e Bolzano (1943-1945)

Cesare Panizza
Il movimento di liberazione in provincia di Alessandria. Aspetti demografici e sociali

16.15 Pausa

16.30 Presentazione di 4 proposte di ricerca del Bando Pavone:

Simeone Del Prete
Violenza politica e repressione penale antipartigiana: il Pci e le difese organizzate nei processi agli ex-partigiani (1948-1953)

Simona Salustri
L’Università alla sbarra. Il ruolo della Resistenza nell’epurazione degli Atenei italiani (1943-1948)

Alessandro Santagata
Un “uso non colpevole delle armi”? La Resistenza dei cattolici in Veneto e il problema della violenza (1943-1948)

Fabio Verardo
Il tribunale del popolo di Trieste. Riflessioni sulla giustizia della liberazione in un confronto con le realtà dell’Italia settentrionale

18.30 Aperitivo con inaugurazione della mostra “FOTOGRAFIA COME POTERE. La fotografia in Italia come forma di dominio e resistenza”
Conferenza di presentazione del libro “Photography as Power. Dominance and Resistance through the Italian Lens” (Cambridge Scholars 2019). Partecipanno Marco Andreani, Marcello Flores, Benedetta Guerzoni, Nicoletta Leonardi, Adolfo Mignemi e Silvia Paoli

Sabato 12 ottobre, ore 9.30

Presiede: Mirco Carrattieri, Direttore generale dell’Istituto Nazionale “Ferruccio Parri”

9.30 Saluto di Guido Formigoni, Consigliere della Sissco
Proclamazione del vincitore e consegna del Premio “Pavone” da parte di Paolo Pezzino, Presidente dell’Istituto Nazionale “Ferruccio Parri” e di Sabina Pavone, figlia di Claudio

10.00 Lezione di Francesca Socrate (Università di Roma, Aiso)
La ricerca cinquant’anni dopo: nuovi punti di vista sul ‘68.

10.45 Pausa

11.00 Presentazione di alcuni progetti della rete Parri sul ‘68:

Giorgio Bigatti (Fondazione Isec)
Un grande numero. Segni immagini parole del 1968 a Milano

William Gambetta (Centro studi movimenti di Parma), Federico Morgagni (Istituto storico di Forlì-Cesena)
Il ’68 lungo la Via Emilia

Michele Toss (Fondazione Museo Storico del Trentino)
Generazione ’68. Sociologia, Trento, il mondo

Panoramica sui progetti della rete Parri sul  ’68

13.00 Chiusura dei lavori

Terre di Resistenza, III incontro

PALERMO
Sabato 5 ottobre 2019 ore 10
Istituto Gramsci Siciliano
Cantieri culturali alla Zisa – via Paolo Gili 4

Resistenze a Sud
dalla guerra alla Repubblica

Seminario nazionale permanente

III incontro
Terre di Resistenza: Storiografia e fonti per la storia della Resistenza: aree, regioni, città.

La partecipazione del Mezzogiorno al fenomeno resistenziale è stata oggetto di importanti contributi storiografici negli ultimi anni. Il recente volume I siciliani nella Resistenza recentemente pubblicato da Sellerio ha cercato di riaprire la discussione sul tema, provando ad offrire uno sguardo di insieme sul dibattito storiografico sulla Resistenza, sulla partecipazione dei meridionali al movimento partigiano, sulle successive politiche pubbliche della memoria.
La discussione si propone di tornare sulla possibilità di comparare le forme spontanee di contrapposizione all’esercito tedesco nel Mezzogiorno durante il periodo bellico, le differenti esperienze maturate dai partigiani meridionali nel corso della loro esperienza resistenziale, le diverse vie intraprese al momento del ritorno a casa di fronte alla società meridionale attraversata da molte ma non sempre convergenti spinte alla mobilitazione sociale e politica.

Saluto
Salvatore Nicosia

Dibattito
Luca Baldissara, Università di Pisa
Marco De Nicolò, Università di Cassino
Paolo Carusi, Università di Roma Tre
Enzo Fimiani, Istituto Abruzzese per la Storia della Resistenza e dell’Italia Contemporanea (IASRIC)

Interventi
Michele Figurelli e Carlo Verri

Coordina
Tommaso Baris

Sono stati invitati a partecipare gli autori dei saggi raccolti nel volume I siciliani nella Resistenza Il seminario è realizzato dall’Istituto Gramsci Siciliano in collaborazione con il Comitato scientifico del seminario Terre di Resistenza composto da Luca Baldissara, Tommaso Baris,
Paolo Carusi, Marco De Nicolò, Enzo Fimiani, e sostenuto dal Dipartimento di Civiltà e forme del sapere dell’Università di Pisa; dal Dipartimento DEMS Scienze Politiche e delle Relazioni internazionali dell’Università di Palermo; dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’ Università di Roma Tre, dal Dipartimento di Lettere e Filosofia dell”Università di Cassino, dall’Istituto Abruzzese per la Storia della Resistenza e dell’Italia Contemporanea (IASRIC).

75° anniversario della Liberazione dell’Umbria

L’Isuc, in occasione del 75° anniversario della Liberazione dell’Umbria, organizza, presso il cinema Méliés in via della Viola 1, la proiezione del documentario La pavoncella becca sul prato. Antifascismo e Resistenza in Umbria dal 25 luglio alla Liberazione.

invito

75° anniversario della Liberazione di Perugia

il comune di Perugia, l’Isuc, la Fondazione Ranieri di Sorbello, l’Anpi e altri soggetti organizzano per il 75° anniversario della Liberazione di Perugia, presso la Sala dei Notari di palazzo dei Priori, l’incontro sul tema L’arrivo degli Alleati, il contributo della Resistenza – 20 giugno 1944.

locandina-programma

Premiazione concorso creativo “Accendi la Resistenza”

Presso la sala Memoria delle Alpi (Via del Carmine 13, 3° piano) di Palazzo San Celso (Polo del ‘900), si terrà la premiazione della 4° edizione del concorso creativo Accendi la Resistenza dedicato alla Graphic Novel.

Anche quest’anno il tema del concorso – a cura dell’Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea “Giorgio Agosti” – è la narrazione della Resistenza e dei valori emersi nel corso della lotta al fascismo.

Le opere pervenute sono tredici, e siamo soddisfatti dell’adesione appassionata di chi ha partecipato.

Nel corso della serata di premiazione verranno pertanto mostrate le tavole realizzate da tutti i partecipanti, e saranno discusse insieme a Tito Faraci – uno dei più importanti sceneggiatori italiani di fumetti, nonché tra i primi a collaborare con la Marvel – e a Francesca Mancini, titolare di add editore.

Il progetto vincitore riceverà un premio in denaro di 500 euro, offerto da add editore. Introduce Alessandro Bollo, direttore del Polo del ‘900.

Il concorso

Presso Istoreto, via del Carmine 13

A spasso con il Moro. Tour per la Repubblica

Le storie di Barriera di MIlano tra Resistenza e Liberazione, raccontate dai ragazzi di Atelier Héritage diventano una guida per festeggiare la Repubblica.
Una passeggiata nel quartiere, a spasso con Ilio Baroni, nome di battaglia il Moro, nelle strade in cui i partigiani costruirono una nuova Italia democratica.

Per saperne di più

Barriera di Milano, via Crescentino 25

Luoghi e voci della Resistenza nelle vie di Torino

Il Museo diffuso della Resistenza e l’Istoreto – in collaborazione con l’Associazione Torinese Tram Storici – propongono un percorso cittadino con il tram storico: Luoghi e voci della Resistenza nelle vie di Torino domenica 2 giugno 2019 con partenza da piazza Statuto angolo corso San Martino (monumento Frejus).

Come vivevano i torinesi il periodo della guerra? Quale atmosfera circondava coloro che non erano sfollati? E i partigiani, come si muovevano, quali rischi correvano, come e dove portavano avanti la Resistenza? In un suggestivo percorso lungo le vie e piazze di Torino a bordo di un tram storico degli anni Trenta proveremo a rivivere le intense atmosfere del tempo di guerra accompagnati dalla proiezione di testimonianze di alcuni partigiani che contribuirono alla lotta di liberazione nazionale.

Per saperne di più

 

Perché raccontassimo. Memorie partigiane di un antieroe

Presentazione del volume di Aldo Garino, Perché raccontassimo. Memorie partigiane di un antieroe, a cura di Andrea D’Arrigo e Laura Garino (Seb27, 2019).

Le memorie partigiane di Aldo Garino sono il lascito di un testimone atipico, lontano dai modi convenzionali di raccontare la Resistenza. Un quadro corale di figure e sentimenti nel quale gli avvenimenti rievocati sono restituiti al lettore in tutta la loro complessità. Intervengono Battista Gardoncini (giornalista) e Davide Tabor (Università di Torino). Introduce Luciano Boccalatte. Sarà presente Laura Garino.

Scheda del volume

Presso Istoreto, sala Memoria delle Alpi, via del Carmine 13

La Resistenza difficile

1° giugno, ore 17,30, Sala Conferenze Comune di Bobbio, presentazione del libro di Santo Peli, il maggior storico della Resistenza italiana

“La Resistenza difficile”

L’autore conversa con Carla Antonini direttrice Isrec-Istituto di Storia contemporanea di Piacenza

Un’occasione per riflettere seriamente sul senso storico dell’esperienza e sul fondamento della celebrazione civile (può una festa dello Stato essere un argomento divisivo anziché identitario? come impostare la questione a quasi 80 anni di distanza?)

Seguirà

ore 21:30, proiezione del film  di Vittorio Fusco

Il mito della resistenza nel cinema italiano

Prenotati per l’iniziativa!

Il mito della Resistenza nel cinema italiano

28 aprile 2019 (giorno della liberazione della città di Piacenza), ore 21,00 all’Auditorium della Fondazione in via Santa Eufemia, proiezione di un montaggio di Vittorio Fusco su

“Il mito della Resistenza nel cinema italiano”

Una carrellata di circa un’ora con le sequenze dei grandi maestri sulla guerra partigiana.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con Cinemaniaci e con Anpi provinciale.