Una Liberazione a colori

22-04-28_locandina_21

In occasione della Festa della Liberazione, Ilsreco, in collaborazione con Aned e Anpi, propone un evento dal titolo Una Liberazione a colori. Riflessioni sulla Resistenza, che si terrà giovedì 28 aprile 2022 alle ore 21.00 presso l’aula magna del liceo classico “Pietro Verri” di Lodi, via S. Francesco 11.

Sarà possibile seguire l’evento anche in diretta Facebook sulla pagina Ilsreco Lodi.

Si alterneranno gli interventi di Ercole Ongaro, direttore scientifico Ilsreco; di Alice Vergnaghi, referente per la didattica Ilsreco e le letture a cura di Laura Coci, presidente Ilsreco, e Roberto Del Piano.

Ercole Ongaro parlerà delle diverse forme di resistenza che si sono sviluppate nel periodo compreso tra l’armistizio dell’8 settembre 1943 e la Liberazione avvenuta il 25 aprile 1945, soffermandosi in particolare sulla realtà lodigiana che ha analizzato nei suoi volumi sul tema.

Alice Vergnaghi, referente didattica Ilsreco, illustrerà un progetto di ricerca che l’Istituto ha iniziato e che si pone come obiettivo la realizzazione di un atlante delle e dei resistenti lodigiani caduti.

Laura Coci e Roberto Del Piano presenteranno invece un’antologia di testi tratti dalla produzione dello scrittore Beppe Fenoglio di cui quest’anno ricorrono i cento anni della nascita.

Giovanna Boccalini: storia di una lodigiana. Mostra fotografica con approfondimenti di storia locale e nazionale

mostragbb_2022 mostragbb_inaugura_22-03-04

Continuano gli eventi per celebrare i 120 anni della nascita di Giovanna Boccalini, emerita nostra concittadina: in occasione della Giornata Internazionale della Donna, CGIL di Lodi in collaborazione con Ilsreco, Toponomastica femminile, Snoq Lodi, Consigliera di Parità di Lodi, UDI Nazionale, SISS, Società Generale Operaia di Mutuo Soccorso di Lodi e Lo Sguardo di Giulia propone una mostra fotografica su Giovanna Boccalini con approfondimenti di storia locale e nazionale.

La mostra si propone di raccontare attraverso fotografie, documenti e testimonianze orali, che si possono ascoltare inquadrando i QR code presenti sui pannelli, la vicenda biografica di Giovanna Boccalini a partire dalle sue origini lodigiane fino al suo impegno di carattere politico, sociale e a favore dell’emancipazione femminile. La mostra si arricchisce poi di pannelli di approfondimento a cura delle associazioni ed enti promotori sull’Unione Donne Italiane, sulle figure di lodigiane illustri, sul rapporto donna e sport durante il fascismo, sulle donne lodigiane nella Resistenza, sulla Società Generale Operaia di Mutuo Soccorso di Lodi e sulla Colonia Caccialanza.

La mostra sarà inaugurata il 4 marzo 2022 alle ore 11,00 con interventi di Francesca Di Bella componente della Segreteria CGIL;

Alice Vergnaghi docente, delegata Ilsreco e Soc. Gen. Op. M. S. Lodi e curatrice della mostra; Rosangela Pesenti delegata UDI Nazionale; Danila Baldo vicepresidente di Toponomastica Femminile e delegata Snoq Lodi.

La mostra sarà visitabile nel cortile della Camera del Lavoro Territoriale di Lodi (via Lodivecchio 31) nelle giornate del 4, 5, 6 marzo 2022 e del 2 e 3 aprile 2022 dalle ore 9.00 alle 12.30 (9.45-12.15 di domenica).

L’esposizione sarà invece visitabile all’interno della sede della Camera del Lavoro con esibizione del Green Pass nei restanti giorni, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 12.30 e dalle 14.00 alle 17.30 e fino al 4 aprile 2022.

Sarà data la possibilità alle scuole di visitare la mostra nelle giornate del 4, 5 marzo 2022 e del 2, 4 aprile 2022, dalle ore 9. alle ore 12.30 nel cortile della Camera del Lavoro su prenotazione tramite mail a alice.vergnaghi@gmail.com.

Il 2 aprile 2022 dalle 10,00 alle 12,30 saranno presenti Alice Vergnaghi e lo storico Marco Giani per guidare le visitatrici e i visitatori nel percorso della mostra.

La mostra rimarrà a disposizione di enti, associazioni e scuole che volessero esporla facendo richiesta alla Camera del Lavoro alla seguente mail a francesca.dibella@cgil.lombardia.it

Ilsreco, Giorno del Ricordo 2022: il confine orientale tra storia e memoria

gr2022

Per celebrare il Giorno del Ricordo, Ilsreco (Istituto lodigiano per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea) e Aned (Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti) promuovono venerdì 11 febbraio, alle 21.00, un evento in diretta streaming sul tema Il confine orientale tra storia e memoria; sarà possibile seguire l’evento sulla pagina Facebook Ilsreco-Lodi oppure vederlo, e rivederlo, anche in giorni e tempi successivi.

Come noto, la legge istitutiva del Giorno del Ricordo − n. 92 del 30 marzo 2004 − assegna a questa ricorrenza del calendario civile nazionale il compito di «conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale». Nello spirito del dettato legislativo, Laura Coci (presidente Ilsreco) e Ivano Mariconti (vicepresidente Ilsreco e delegato Aned) proporranno una riflessione sulla storia del confine orientale italiano, ripercorrendone le vicende a partire dall’aggressività del fascismo di frontiera, dall’incendio del Narodni Dom (la Casa della cultura slovena di Trieste), dalla feroce occupazione italiana dei territori jugoslavi e dall’internamento della popolazione civile autoctona; per giungere, poi, alla tragedia delle foibe istriane (autunno 1943) e giuliane (primavera 1945) che colpisce la comunità italiana, all’abbandono da parte di questa delle città di Zara, Fiume, Pola e dell’Istria che i trattati di pace assegnano alla Jugoslavia, all’arrivo e all’accoglienza in Italia dei profughi in centri di raccolta, spesso in condizioni di estremo disagio.

Concluderà l’evento la testimonianza di Luigi Bologna, secondogenito di Mario e Giuseppina Lugnani, esuli da Isola d’Istria e giunti a Lodi con il primo figlio, Silvio, nel dicembre 1953.

«Le stragi, le violenze, le sofferenze patite dagli esuli giuliani, istriani, fiumani e dalmati non possono essere dimenticate, sminuite o rimosse. − ammoniva il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione del Giorno del Ricordo 2018 − Esse fanno parte, a pieno titolo, della storia nazionale e ne rappresentano un capitolo incancellabile, che ci ammonisce sui gravissimi rischi del nazionalismo estremo, dell’odio etnico, della violenza ideologica eretta a sistema».

 

Pippo non lo sa

ILSRECO – ANPI – ANED – Giorno della Memoria 2018

PIPPO NON LO SA – Canzoni e jazz come forma di resistenza al fascismo

«Lo Swing è veramente un caso patologico. Come arrestare l’epidemia? Il rimedio c’è. Il suo nome è: Manganello». L’affermazione è tratta da un pezzo pubblicato dal «Corriere della sera» il 9 gennaio 1942, di  sorprendente ferocia nei confronti di swing, jazz (anzi: ‘gez’, poiché il fascismo bandisce i  forestierismi) e ‘canzonette cretine’ (il riferimento è a Gorni Kramer, Natalino Otto e Trio Lescano): generi musicali amati (testualmente) da negri, ebrei, massoni e rammolliti. E non si tratta di un caso isolato, né marginale: il regime fascista tenta, per altro senza successo, il controllo ossessivo della vita musicale con un atteggiamento dichiaratamente persecutorio nei confronti di musicisti e autori invisi e ritenuti ‘degenerati’, devianti rispetto alla consolidata, cosiddetta tradizione italiana. D’altra parte, però, il duce e il suo regime utilizzano, a fini propagandistici, canzoni e mezzi di diffusione della musica di recente invenzione: i dischi e la radio.

Dopo l’approfondimento dedicato nel 2017 a musica e politica nella Germania nazista, Ilsreco – Istituto lodigiano per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea, in collaborazione con Anpi e Aned, dedica anche quest’anno al tema della musica l’iniziativa del Giorno della Memoria, che si celebra il 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz da parte dell’Armata Rossa, affinché la memoria possa essere da antidoto al ripetersi della tragedia.

L’evento – che ha il titolo di una celebre canzonetta derisoria nei confronti di uno dei gerarchi più in vista del regime – si terrà lunedì 29 gennaio, alle 21.00, nella sala Granata presso la Biblioteca Comunale Laudense. A nome di Ilsreco, parleranno Laura Coci, Roberto Del Piano (bassista jazz e d’avanguardia, protagonista di una storia musicale variegata con un’ampia discografia all’attivo) e Ivano Mariconti: il percorso toccherà Mussolini musicista e il controllo dei media nel regime fascista, attraverso l’istituzione del Ministero della Cultura Popolare; la musica coloniale e la canzone di guerra; il jazz e le canzoni di opposizione al regime: valga per tutti il caso di Natalino Otto, citato nel Partigiano Johnny di Beppe Fenoglio come musicista resistente. Nel corso della serata saranno proposti ascolti musicali e letture di testi effettuate da ragazze e ragazzi della 4A LES (liceo economico sociale) del Maffeo Vegio di Lodi.

Alle e agli studenti sarà invece dedicata la mattinata di giovedì 25 gennaio: nell’aula magna del Liceo Gandini, alle 11.00, la scrittrice Edgarda Ferri, autrice del libro Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore. Vita di Etty Hillesum, parlerà della grande filosofa olandese di origine ebraica, morta ventinovenne ad Auschwitz nel 1943.

 

a cura di Laura Coci, Ilsreco