G8 2001-2021: democrazia, lavoro e media nella rappresentazione del conflitto sociale

C’erano i grandi della terra, passerella del neoliberismo mondiale, erano pronti a scrivere un documento poi cancellato dal resto di quei tre giorni infernali per Genova, con il mondo che osservava violenze mai viste in una città occidentale.
Sembra di parlare di qualcosa di lontano, eppure il tema di quel tempo era la globalizzazione del 2000
Due decenni dopo ci si ritrova a discutere di che cos’è stato quel luglio 2001, come ha cambia­to le forme della contestazione e del dissenso, smantellando un intero movi­mento che voleva opporsi a quel modello di sviluppo economico e sociale che oggi mo­stra tutte le sue debolezze ed aumenta le disuguaglianze

Ne parleremo con:
Andrea Bortolamasi – Assessore comune di Modena
Daniele Dieci – Cgil Modena
Paolo Brini – Comitato centrale Fiom
Anna Lisa Camilli – giornalista (in collegamento)
Raffaella Bolini – Arci Nazionale (in collegamento)
Mariapia Cavani – giornalista (in collegamento)
Modera: Giorgia Ansaloni – Mediterranea

Dalle 20.30 EMILIAN STREET FOOD
(parte del ricavato verrà devoluto a Genoa Legal Forum)

Ore 21.30 – “GENOVA. PER NOI” Proiezione documentario. Presentazione a cura di Wilma Labate, regista.
Al termine incontro con:
Flavio Novara – Giornalista Alkemia News
Vittorio Agnoletto – Forum Mondiale della Salute, Forum Sociale Mondiale
Paolo Ferrero – Vicepresidente del Partito della Sinistra Europea (in collegamento)

Durante la serata e concerto finale
FLACO LEO Y SU BANDA
ospiti speciali:
Angelo Mancini – trombettista Manu Chao
Piero Sciotto – compagno di avventure di Dario Fo, Franca Rame e Giovanna Marini

Mostra
IL G8 DI GENOVA: RAPPRESENTAZIONE DI UN CONFLITTO
Contributo video di Lorenzo Guadagnucci – testimone e vittima del bliz alla Diaz
Spazi espositivi
Libreria Ubik Modena – bookshop, Mediterranea Saving Humans, Emergency

Nell’ambito di #ZonaLibera2021 e “Genova 2021: voi la malattia, noi la cura” l’evento è promosso da: Lo Spazio Nuovo, Idee in Circolo, Circolo culturale Left – Vibra, Arci Modena, Anpi Provinciale di Modena, Cgil Modena, Istituto storico di Modena, Aliante Cooperativa Sociale, Alkemia Laboratori Multimediali, Rete Lilliput, Emergency – rete di Modena, Potere al Popolo di Modena, Rifondazione Comunista, Sinistra classe e rivoluzione, singoli cittadini, Circolo il Manifesto
Progetto “Ex macello 2030: cultura, sport, rigenerazione urbana e sociale”, col sostegno del Progetto Regione Emilia-Romagna “Vivere insieme lo spazio pubblico: azioni integrate per la sicurezza urbana”

My generation. Cambiare il mondo con la musica

Domenica 18 luglio, ore 21.00
Giardini Ducali, Modena

Rassegna I Giardini d’Estate

OGGETTI RIVOLUZIONARI: CHITARRA ELETTRICA

My generation
Cambiare il mondo con la musica

Eleonora Bagarotti dialoga con Roberto Franchini

Ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria:
biglietteria@emiliaromagnateatro.com
Biglietteria Teatro Storchi: 059 2136021 da martedì a venerdì 10.00-14.00, sabato 10.00-14.00 e 16.30-19.00
Botteghino Giardini Ducali: un’ora prima dell’inizio dello spettacolo

Nell’ambito del progetto Rivoluzioni, persone, luoghi ed eventi del ‘900 tra crisi e trasformazioni promosso da Istituto storico di Modena, Centro Documentazione Donna, Comitato per la Storia e le memorie del Comune di Modena

A cura di Istituto storico di Modena e Centro Documentazione Donna con la collaborazione della Fondazione San Carlo e il sostegno di Fondazione di Modena.

Riscaldamento prepartita aspettando la finale

Riscaldamento prepartita aspettando la finale

Domenica 11 luglio ore 19.00
Orange 182 – Parco Enzo Ferrari, Modena

Storia e storie dei Campionati europei di calcio
con
Vincenzo Mercuri | Scuola Italiana per la Storia dello Sport
Metella Montanari | Istituto storico di Modena

in collaborazione con Mo’ Better Foootball

1° Scuola di Storia Orale nel paesaggio dei Monti della Riva

Da venerdì 2 a domenica 4 luglio si svolge a Fanano e a Sestola la 1° Scuola di Storia Orale nel paesaggio dei Monti della Riva.

La proposta formativa si inserisce nell’ambito del progetto “L’Archivio delle Voci” promosso dai Comuni di Fanano e Sestola e sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna fra le iniziative di valorizzazione della storia e della memoria del Novecento (D.G.R. n. 604 del 03.06.2020).

La Scuola è attivata con la partecipazione di Eutopia Ri-generazioni territoriali, ANPI, Linea Gotica-Officina della Memoria, Istituto Storico di Modena, Master in Public Digital History dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e con il patrocinio di ANPI Modena e Istituto Storico della Resistenza e dell’età contemporanea Pistoia.

INFORMAZIONI

SITO: Il versante emiliano dell’Appennino nelle vicinanze della Linea Gotica, compreso nei Comuni di Fanano e Sestola (Modena).

ATTIVITÁ: Ci incammineremo geoesplorando tra gli 800 e i 1.500 metri s.l.m., per centri storici, borghi, valli rigogliose, crinali fortificati. Apprenderemo la lingua salvata della Resistenza, grazie ad un Archivio in costruzione di fonti orali registrate una generazione fa. Sulle orme sonore delle Voci, alfabetizzandoci agli strumenti di georeferenziazione cartografica, nel paesaggio faremo esperienza e del paesaggio faremo memoria. Per co-costruire insieme a tutti i partecipanti un geohistory telling.

COME PARTECIPARE: L’iscrizione alla Scuola è aperta a chiunque lo desideri e raccoglie un tetto massimo di 20 iscritti. A quanti ne hanno la possibilità si consiglia di portare registratore e macchina fotografica.

COSTI PARTECIPAZIONE

OPZIONE JUNIOR (Under 35) – Alloggio presso la struttura alberghiera “Al Sole” in camera doppia per due notti 110 € (comprese due cene; due colazioni).

OPZIONE SENIOR – Alloggio presso la struttura alberghiera “Al Sole” in camera privata per due notti 150 € (comprese due cene; due colazioni).

TERZA OPZIONE – Per chi volesse seguire la Scuola senza usufruire del pernottamento, il prezzo giornaliero è di 30 € (cena inclusa).

Le quote comprendono le attività formative e l’ingresso ai siti: ROCCA di Sestola, MUSEO DI SCULTURA SU PIETRA e MUSEO DEI MONTI DELLA RIVA – LINEA GOTICA di Fanano.

Le quote non comprendono: l’iscrizione o rinnovo tessera AISO 2021 (25 € per giovani/non strutturati; 50 € per ordinari/strutturati).

PER ISCRIVERSI: aisoitalia@gmail.com – eutopia.rigenerazioni@gmail.com Modalità di pagamento e iscrizione ad AISO verranno comunicate via e-mail.

AISO mette a disposizione due borse per giovani partecipanti disposti a raccogliere documentazione funzionale alla stesura del report conclusivo (raccolta materiale audio-visivo e fotografico). I borsisti potranno frequentare la Scuola per un costo totale di 80 € e pernotteranno in una camera doppia presso la struttura alberghiera “Al Sole”. Per candidarsi inviare una lettera motivazionale e un breve CV a: aisoitalia@gmail.com

Per i partecipanti che lo richiedano verrà rilasciato un attestato.

Termine per le iscrizioni: mercoledì 25 giugno 2021.

Processo ai collaborazionisti

Il 22 aprile 1945 il Governo Bonomi istituisce le Corti d’Assise straordinarie per giudicare gli imputati di collaborazionismo, ossia “i cittadini italiani che dopo l’8 settembre 1943 abbiano commesso delitti contro la fedeltà e la difesa militare dello Stato (previsti dall’art. 5 del decreto legge luogotenenziale 27 luglio 1944 n. 159) con «qualsiasi forma di intelligenza o corrispondenza o collaborazione col tedesco invasore e di aiuto o di assistenza ad esso prestata», sia sotto il profilo militare che politico.
Cosa avviene in Emilia-Romagna e a Modena? Quanti processi vengono fatti e che pene vengono inflitte? E che rapporto c’è nell’immediato dopoguerra tra politica e giustizia?

Giovedì 3 giugno ore 17.00
Dipartimento degli studi linguistici e culturali
Via Sant’Eufemia 19, Modena – Aula B06
in presenza – accesso contingentato e su prenotazione (max 25 persone)
in diretta streaming sui canali: Youtube Istituto storico di Modena; Facebook Istituto storico di Modena, Istoreco, Isco Ferrara

Presentazione ‘Il partito della Resistenza’ di Giovanni De Luna

Giovedì 19 maggio alle 17.30
in diretta su facebook Istituto storico di Modena, Istoreto, Utet

Anteprima Cantieri della Resistenza 2021
Presentazione del libro
Il partito della Resistenza di Giovanni De Luna (Utet 2021)

Tavola rotonda con Giovanni De Luna, Paolo Borgna, Giuseppe Filippetta, Daniele Pipitone e Andrea Ricciardi, coordinati da Simonetta Fiori.

SCARICA PDF INVITO

L’altro volto dell’Europa: i Balcani tra integrazione europea e diritti umani

Con il progetto “L’altro volto dell’Europa: i Balcani tra integrazione europea e diritti umani” l’Istituto storico di Modena si è classificato al primo posto della graduatoria del bando Viaggi attraverso l’Europa 2021 – VIII edizione – promosso dall’Assemblea legislativa della Regione Emilia Romagna.

“L’altro volto dell’Europa: i Balcani tra integrazione europea e diritti umani” è un  viaggio virtuale attraverso una mappa interattiva che permetterà di affrontare due percorsi diversi e strettamente connessi:

- uno sul processo di integrazione europea dei paesi dell’area balcanica, iniziato con l’accoglienza della Slovenia (2004) e della Croazia (2013), e tuttora in corso di attuazione per gli altri paesi, seppur con rallentamenti e fasi di stallo:

- uno sui diritti umani, uno dei filoni centrali nella costruzione di uno spazio europeo comune. In particolare si lavorerà sulla violazione dei diritti umani che questa regione ha conosciuto a partire dalla guerra degli anni Novanta fino a oggi sulle strade della rotta balcanica, con focus legati ad alcuni luoghi: ad esempio, a partire da alcuni articoli del quotidiano Oslobodjenje (Liberazione) di Sarajevo ( a cui è stato riconosciuto il premio Sacharov per la difesa della libertà di pensiero nel 1993) si prenderanno le mosse per parlare della violazione dei diritti dei civili durante l’assedio di Sarajevo; a partire invece da alcune testimonianze di sopravvissuti si affronterà il tema della pulizia etnica e del genocidio di oltre 8000 persone a SrebrenicaOmarska e Prijedor saranno individuati come luoghi che hanno visto la riproposizione di campi di concentramento sul suolo europeo e oggi, a più di vent’anni dal conflitto, ancora realtà segnate da forti spinte nazionalistiche e condizioni di discriminazione di una parte della popolazione, in particolare le donne. Si toccherà Pristina per parlare dei crimini di guerra e contro l’umanità commessi durante la guerra del Kosovo con la Serbia nel 1998-1999, con gravissimi abusi e soprusi ai danni di appartenenti alle comunità serba e rom così come di kosovari di etnia albanese, compresi oppositori politici. Bihac fornirà l’occasione per parlare delle condizioni disumane in cui vengono oggi costretti a vivere i migranti, che cercano di arrivare in Europa per chiedere il diritto di asilo, nel campo di Lipa.

Attraverso il viaggio virtuale in questi luoghi i ragazzi conosceranno alcuni aspetti della storia recente di questi territori, dalla guerra degli anni Novanta  al presente, per riflettere sull’importanza della tutela dei diritti umani in accordo con quanto sancito nella “Carta dei diritti fondamentali della UE” e sulle garanzie di cittadinanza assicurate dall’appartenenza all’UE. Acquisiranno consapevolezza del fatto questi diritti sono il frutto di conquiste storiche che non possono essere mai date per scontate e acquisite una volta per tutte, e saranno sollecitati a forme di cittadinanza attiva poiché uno dei compiti delle società democratiche è proprio la vigilanza perchè non si verifichino, sull’onda di nazionalismi e sovranismi ricorrenti, forme di discriminazione e lesioni della dignità delle persone.

Anima e corpo

La sessualità è una chiave attraverso la quale comprendere i fenomeni storici: le rappresentazioni culturali, le politiche sociali, la storia del potere politico e religioso. Con questo sguardo – storiografico e allo stesso tempo fresco e agile – la rassegna intende creare occasioni di approfondimento e dibattito, che a partire dalla storia possano riguardare anche il nostro presente e contribuire a fornire strumenti di analisi ed elementi di complessità.
Sala Renata Bergonzoni, Casa delle Donne di Modena
Strada Vaciglio Nord 6, Modena

7 maggio 2021 ore 18.30
Cattolici e sesso in Italia: il tormento di Paolo VI

Storia di un dibattito vivace e inatteso. Presentazione del libro Il piacere e la colpa. Cattolici e sesso in Italia 1930-1980 di Anna Pattuzzi. L’autrice dialogherà con
Metella Montanari – Istituto storico di Modena
Alfonso Botti – Università di Modena e Reggio Emilia
In collaborazione con Gruppo di ricerca GeR – Generi e Religioni

21 maggio 2021 ore 18.30
Don Marco Bisceglia e la nascita di Arcigay

Il movimento omosessuale: radici e sviluppi nella storia italiana, tra la morale borghese e quella cattolica. Interventi di
Rocco Pezzano – Giornalista e scrittore
Massimo Prearo – Università di Verona
Francesco Donini – Arcigay Modena

4 giugno 2021 ore 18.30
Cara senatrice Merlin – lettere dalle case chiuse

La chiusura delle case di tolleranza: il dibattito sulla prostituzione e la legge Merlin nell’Italia del dopoguerra. Interventi di
Sandro Bellassai – Università di Bologna
Caterina Liotti – Centro documentazione
donna di Modena

A cura di Insolita in collaborazione con Istituto storico di Modena e Centro Documentazione Donna nell’ambito del progetto
Rivoluzioni. Persone, luoghi ed eventi del ‘900 tra crisi e trasformazioni

Nel caso le norme anti Covid-19 impedissero la presenza dal vivo gli eventi si svolgeranno online sulla pagina FB di Insolita e sul canale YouTube di Rivoluzioni.