XXV Aprile: libertà, giustizia, pace e solidarietà

BANDO DI CONCORSO PER GLI STUDENTI

XXV APRILE
Libertà, giustizia, pace e solidarietà

25-aprile-1945-bologna-610x350

Provincia di Ascoli Piceno
Medaglia d’Oro al Valor Militare per Attività Partigiana

Associazione Nazionale Partigiani d’Italia 

Comitato Provinciale Ascoli Piceno

Nel settantatreesimo anniversario della riconquista della libertà e della democrazia, nel settantesimo anniversario della promulgazione della Costituzione Repubblicana e della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, nell’ottantesimo anniversario dell’emanazione delle leggi razziali fasciste, è indetto un concorso tra gli studenti delle ultime classi delle scuole di ogni ordine e grado della provincia di Ascoli Piceno sul tema “XXV APRILE – Libertà, giustizia, pace e solidarietà”

Gli studenti interessati possono partecipare in forma individuale o in gruppo.


TRACCE

Le tracce da sviluppare sono le seguenti:

Studenti di quinta elementare

“Lo studente, ai fini di una crescita della consapevolezza sociale e civile, per un approfondimento della nostra Costituzione, sviluppi una ricerca sui primi 12 articoli della Carta (Principi fondamentali)”.

Studenti di terza media

“Nel 1938 in Italia furono decretati provvedimenti atti a limitare fortemente i diritti e la dignità dei cittadini di religione ebraica. Il primo atto, con cui si espresse la politica razziale e antisemita del regime fascista, fu la pubblicazione del “Manifesto della razza”, nel quale si asseriva che “gli ebrei non sono di razza italiana”. Seguirono i provvedimenti che, ad iniziare dalla loro esclusione dalla scuola pubblica, portarono alla esclusione dalla vita sociale, politica, culturale ed economica della nazione, fino alla persecuzione delle loro vite. Nell’ottantesimo anniversario dell’emanazione delle leggi razziali, gli studenti sono invitati a ricostruire come esse furono applicate, quali conseguenze produssero e cosa hanno significato per la nostra storia nazionale”.

Studenti dell’ultimo anno delle scuole superiori

“Durante l’occupazione nazifascista in Italia si sviluppò un’azione di opposizione che sfociò nella Resistenza. Chi decise di resistere lo fece per riconquistare i diritti umani fondamentali, la libertà, la giustizia sociale, la solidarietà, la pace e per realizzare uno Stato democratico. Nel 73° anniversario della Liberazione gli studenti sono inviatati a realizzare un elaborato che metta in evidenza quanto siano attuali i principi e i valori della Resistenza nella Costituzione e nelle istituzioni della Repubblica”.

 

ELABORATI

Sulla base di ricerche bibliografiche e d’archivio, ricerca e raccolta di materiale iconografico, testimonianze orali, fonti giornalistiche, sitografiche e filmografiche, fonti materiali private e inedite, si possono produrre le seguenti tipologie di elaborati inediti:

a) Elaborati in forma testuale
b) Elaborati grafico-pittorici corredati di scheda descrittiva
c) Sceneggiature corredate di scheda introduttiva
d) Elaborati video-fotografici corredati di scheda descrittiva

Tutti gli elaborati devono essere inviati sia nel formato di produzione originale (carta, tela ecc.) che su supportodigitale nei formati più comuni.

Ogni studente può partecipare alla produzione di un unico elaborato.

ADESIONE

La scheda di adesione, redatta secondo lo schema allegato al presente avviso, dovrà essere inviata all’Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche e dell’età contemporanea, Via della Cartiera n. 1, Ascoli Piceno o all’indirizzo mail biblioteca.ugotoria@gmail.com entro il 20 aprile 2018.

 

TERMINI

Gli elaborati prodotti dagli studenti dovranno pervenire all’Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche e dell’età contemporanea, Via della Cartiera n. 1, Ascoli Piceno entro il 13 maggio 2018.

 

PREMI

A giudizio di una Commissione appositamente costituita saranno premiati i migliori tre lavori (indipendentemente dalla tipologia di elaborato e dal numero degli studenti che lo hanno realizzato) per ciascun ordine di scuola (scuola primaria, scuola secondaria di primo grado, scuola secondaria di secondo grado) con i seguenti riconoscimenti:

al primo elaborato classificato della scuola primaria, al primo elaborato classificato della scuola secondaria di primo grado, al primo elaborato classificato della scuola secondaria di secondo grado un assegno di studio di euro 500,00 ciascuno;

al secondo elaborato classificato della scuola primaria, al secondo elaborato classificato della scuola secondaria di primo grado, al secondo elaborato classificato della scuola secondaria di secondo grado un assegno di studio di euro 200,00 ciascuno;

al terzo elaborato classificato della scuola primaria, al terzo elaborato classificato della scuola secondaria di primo grado, al terzo elaborato classificato della scuola secondaria di secondo grado un assegno di studio di euro 100,00 ciascuno.

Tutti gli autori degli elaborati che verranno segnalati dalla commissione come meritevoli potranno partecipare ad una visita, con approfondimento didattico, ad un luogo della memoria.

 

SUPPORTO

L’Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche e dell’età contemporanea, Ente formatore con riconoscimento ministeriale ai sensi del DM 25.05.2001, in forza della convenzione con la Provincia di Ascoli Piceno e della convenzione Insmli-Miur, organizza in supporto al concorso, momenti di formazione per docenti e studenti: lezioni monografiche, interventi specialistici a scuola con storici e testimoni, laboratori didattici e gruppi di lavoro presso la sede Biblioteca Provinciale di Storia Contemporanea “Ugo Toria”, curati da docenti ed esperti di didattica e storici.

 

INFORMAZIONI

Per ogni eventuale informazione contattare:

L’Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche e dell’età contemporanea – Via della Cartiera n. 1 Ascoli Piceno – tel. 0736 252312 – e-mail: biblioteca.ugotoria@gmail.com

 

 

Provincia di Ascoli Piceno
Medaglia d’Oro al Valor Militare per Attività Partigiana

 

Associazione Nazionale Partigiani d’Italia
Comitato Provinciale Ascoli Piceno

 

Istituto provinciale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche e dell’età contemporanea
Sede di Ascoli Piceno

 

In collaborazione con 

Ufficio Scolastico Regionale per le Marche
Ambito Territoriale per le Province di Ascoli Piceno e Fermo

Il Socialismo prospero: saggi sulla via Cinese

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI FABIO MASSIMO PARENTI
Venerdì 11 maggio 2018 ore 17:30
Sala Conferenze Cartiera Papale
Via della Cartiera 1 – 63100 Ascoli Piceno

Le nuove prospettive, delle relazioni della Cina con gli altri Paesi e con lo sviluppo mondiale, aperte dalle risultanze dell’ultimo Congresso del Partito comunista cinese e dal nuovo ruolo del Presidente Xi Xinping.
La riflessione storico-filosofica aperta su una nuova via al socialismo derivante dalla esperienza cinese.
Le implicazioni nello sviluppo economico mondiale generato dal Progetto strategico “Le nuove Vie della Seta”


Sarà presente l’autore
Fabio Massimo Parenti Università di Trieste

Intervengono:

Domenico Losurdo Università di Urbino
Zhang Aishan Capo Ufficio stampa Ambasciata Cinese in Italia

Coordina:

Giuseppe Marucci Ispettore MIUR – Progetti Italia – Cina

INFO:

Segreteria Organizzativa Rita Forlini (ISML Ascoli Piceno) – Tel./Fax 0736 252312 - email: isml.did.form@gmail.com

locandina-soc socialismo_prospero invito-fronte-soc-prev

Le Rue della Seta

Con la primavera tornano a germogliare gli “amori gelsi”; dal seme bachi sono appena nati i bacolini; uno straordinario percorso attraverso “cinque età” li tramuterà in bozzoli.

E con la primavera tornano LE RUE DELLA SETA: il 5 maggio verrà infatti riproposto il tour degli antichi stabilimenti bacologici di Ascoli, che tanto successo ha riscosso lo scorso anno.
Quest’anno la manifestazione si gemella con analoghe iniziative che si terranno il 12 maggio a Colli del Tronto e in Offida: a Colli si visiterà il Museo del Baco da Seta e in Offida si terrà a battesimo un’analoga “passeggiata”.


Ci ha detto Giuliano De Angelis, organizzatore di LE RUE DELLA SETA: “Confesso che la fortuna della passata edizione ci ha sorpreso. I convegni generati da quell’evento hanno richiamato un numeroso e interessato pubblico; un anno fa non abbiamo potuto soddisfare tutte le richieste di partecipazione all’escursione per la città, tanto che ci siamo trovati costretti a riproporre l’iniziativa”.

U’AVVERTENZA IMPORTANTE:

L’iniziativa del 5 Maggio in Ascoli è a numero chiuso: è necessario prenotare al numero 0736252312, chiamando dal martedì al giovedì dalle ore 10:00 alle ore 13:00.

rue_della_seta invito_rue_della_seta_finvito_rue_della_seta_r

 

Fascismo e Resistenza nel Piceno

Lunedì 23 aprile 2018, presso la Libreria Rinascita di Ascoli Piceno, sarà inaugurata la mostra fotografica Fascismo e Resistenza nel Piceno di Maria Grazia Battistini e Costantino Di Sante a cura dell’ISML,  Istituto di Storia contemporanea di Ascoli Piceno.

La mostra resterà fruibile fino al 07 maggio 2018 ed è parte del programma di eventi TRACCE R-ESISTENTI che si terrà ad Ascoli Piceno in occasione della Festa della Liberazione del 25 Aprile.

RGB basevolantino_retro-01

La fotografia e il cinema come fonte di documentazione storica

orso di fotografia e cinematografia 2018 a cura di Argeo Polloni e Marcello Lucadei : “La fotografia e il cinema come fonte di documentazione storica”. Primo appuntamento venerdì 13 aprile dalle 16.00 alle 18.00 alla Cartiera Papale di Ascoli Piceno (Sala Conferenze Nunzio Gulino – Biblioteca provinciale di storia contemporanea “Ugo Toria”).


Il corso fornirà quegli strumenti metodologici in grado di permettere all’osservatore/spettatore di avere un occhio attivo e critico nel processo di interpretazione del testo foto/filmico, inteso come “testo agito”, per non essere più un semplice consumatore ma interprete consapevole dell’immagine come principale fonte della ricerca storica del ’900 e della contemporaneità.

Argeo Polloni   Marcello Lucadei

P. Lambert and P. Schoifield, Making History: “Primo, c’è lo studio dello sviluppo del cinema come industria, forma d’arte o istituzione culturale nel ventesimo secolo. Secondo, i film possono essere studiati come documenti storici o ‘testi’ che forniscono un’analisi profonda e valida delle società che li hanno prodotti o guardati. Terzo, il film può essere seriamente considerato, a suo diritto, un mezzo per presentare una versione del passato”.

Ai corsisti verrà rilasciato l’attestato di partecipazionecorso_fotografia Stampa Stampa

L’infanzia nelle guerre del Novecento

Mercoledì 4 Aprile 2018 presso la Sala dei Savi di Palazzo dei Capitani, sarà presentato il libro “L’infanzia nelle guerre del Novecento”, di Bruno Maida, ed. Einaudi. Sarà presente l’autore del libro che converserà con Costantino Di Sante, introduce e coordina Pina Traini.

Il protagonismo dell’infanzia nelle guerre del Novecento, in quanto soggetto mobilitato e mobilitante, costituisce una delle più significative novità del secolo. Benché rimangano le vittime principali, i bambini diventano al contempo veri e propri attori dei conflitti armati. E’ un processo progressivo e differenziato a livello mondiale sul piano dei tempi, della geografia, delle dimensioni e delle caratteristiche stesse delle guerre, da quelle di massa della prima metà del Novecento a quelle locali, fino ai conflitti asimmetrici postnovecenteschi.


Invito
Bruno Maida intende raccontare quelle vicende, ponendo una particolare attenzione ad alcuni temi specifici: la legislazione internazionale per la protezione dei bambini nelle guerre, che si è però accompagnata a un loro crescente coinvolgimento; il trauma e la resilienza, attraverso i quali i bambini si rivelano non semplici soggetti passivi bensì persone capaci di profonda rielaborazione e adattamento; i linguaggi per raccontare quelle esperienze, dalle parole ai giochi ai disegni.

Bruno Maida è ricercatore di Storia contemporanea presso il Dipartimento si Studi Umanistici dell’Università di Torino. Per Einaudi ha pubblicato nel 2013 La Shoah dei bambini. La persecuzione dell’infanzia ebraica in Italia (1938-1945).

Presentazione del libro “Storia di Ordine Nuovo”

Venerdì 30 marzo alle ore 18:00 presso la libreria Rinascita di Ascoli Piceno, si svolgerà la presentazione del libro “Storia di Ordine Nuovo” di Aldo Giannuli ed Elia Rosati, Mimesis Edizioni 2017. Sarà presente l’autore Elia Rosati.
Dialogano con l’autore Giusi Cesari e Paolo Prezzavento.

Organizzazione extraparlamentare di estrema destra, gruppo terroristico, movimento clandestino. Il giornalista e storico Aldo Giannuli, profondo conoscitore dei retroscena legati alla cosiddetta eversione nera, ripercorre nel dettaglio cosa è stato Ordine Nuovo e quale importante ruolo ha ricoperto nella strategia della tensione attuata da alcune frange dello Stato e dei Servizi Segreti italiani durante gli anni Settanta.

giannuli-storia-ordine-nuovo-1

DALL’ORRORE DELLA SHOAH ALLA SOLIDARIETÀ DEI POPOLI

3° CONVEGNO INTERNAZIONALE
DALL’ORRORE DELLA SHOAH ALLA SOLIDARIETÀ DEI POPOLI
La Porta di Sion. La memoria dell’accoglienza dei profughi ebrei dal 1943 al 1948.

“La memoria è la fonte della redenzione”
(Ba’al Shem Tov)

Sono queste le parole che appaiono all’ingresso dello Yad Vashem, il memoriale ebraico eretto in Israele per ricordare la tragedia della Shoah. Solo la cultura della memoria può dunque redimere l’uomo dagli orrori commessi poiché va riconosciuto che nella storia del Novecento la Shoah ha rappresentato il male assoluto, ha messo in crisi i valori del mondo occidentale, ha scosso le coscienze e sollevato dubbi sulla presenza di Dio. Ha altresì sollecitato la ricerca di un senso della storia: “magistra vitae” come sosteneva Cicerone, o priva di senso come per Montale? K. Popper ha affermato che attribuire ad essa un significato etico, o dare a noi stessi uno scopo etico, non deve risultare vano. Pertanto anche la scuola deve assolvere un compito importante nel promuovere un’etica della responsabilità.


Con quest’impegno l’IIS “G. Mazzocchi – Umberto I” e l’ISML di Ascoli Piceno propongono per il terzo anno consecutivo un convegno internazionale dedicato alla solidarietà tra i popoli. In quest’edizione sono affrontati i temi legati all’accoglienza data agli ebrei scampati alla Shoah nell’immediato dopoguerra. Migliaia furono gli ebrei stranieri reduci dai lager e in fuga da un’Europa devastata dall’odio razziale che attraversarono l’Italia dove, prima di raggiungere la “terra promessa”, trovarono ospitalità nei
campi profughi allestiti nella Penisola. Il Museo di S. Maria al Bagno in provincia di Lecce, ad oggi, è l’unico che ricorda e conserva memoria di questa storia di solidarietà. Per questo motivo è sembrato importante far conoscere la loro esperienza in attesa che un memoriale dedicato a questi eventi possa nascere anche sul nostro territorio. Da queste riflessioni nasce il progetto con cui l’IIS “G. Mazzocchi-Umberto I”, in collaborazione con l’ISML di Ascoli Piceno, realizza il 3° convegno che affronta altresì i temi dell’orrore disumano, della solidarietà coraggiosa rivelata dalle testimonianze, del ruolo della leadership nella formazione dei valori morali, del linguaggio del pensiero democratico, del dialogo multiculturale, della medicina nei lager. Orrore e Solidarietà: ieri come oggi, due facce della stessa medaglia. Tuttavia oggi la solidarietà non è solo scelta morale e individuale, ma sancita dall’art. 2 della Costituzione italiana, contemplata nel Preambolo della Carta europea dei diritti fondamentali, affermata dai principii della Chiesa cattolica.

Il Convegno si articola in 3 eventi che avranno luogo dal 15 al 17 marzo tra il Palazzo dei Capitani del Popolo di Ascoli Piceno e il Palazzetto dello Sport di Pagliare di Spinetoli.

cartolina_convegno_orrori_shoha

Corso di formazione “Tre autori, tre incontri, tre mafie”

L’ISML in collaborazione con l’Istituto Mazzocchi e la Libreria Rinascita, organizza un corso di formazione intitolato
TRE AUTORI, TRE INCONTRI TRE MAFIE
Come suggerisce il titolo, il corso è articolato in tre eventi che avranno luogo presso la Sala Conferenze della Libreria Rinascita in Piazza Roma 7, in cui tre scrittori saranno presenti con le loro opere sul tema.


Il 13 marzo 2018, alle ore 17:00, si terrà l’incontro con Francesco Benigno, autore del libro La mala setta – alle origini di mafia e camorra (1859 – 1878)”, edito da Einaudi. Coordina Costantino Di Sante.

Il 23 marzo 2018, sempre alle ore 17:00, sarà presente Franco La Torre, coautore insieme a Filippo La Torre del volume Pio La Torre: ecco chi sei”, con Riccardo Ferrigato e con la prefazione di Giuseppe Tornatore (Ed. San Paolo). Coordinano Ettore Picardi e Giancarlo Sturba.

Il 27 marzo 2018, allo stesso orario, ci sarà Omar Di Monopoli, autore del romanzo “Nella perfida terra di Dio”, edito da Adelphi. Coordina Eleonora Tassoni.

Gli incontri sono validi per il rilascio dei C.F. ai sensi della L.107/2015

tre_mafie

Le vie delle donne marchigiane

Giovedì primo marzo alle ore 17.30 nella sala conferenze della libreria Rinascita si terrà la presentazione del volume #leviedelledonnemarchigiane, Organizzata da ISML e la Libreria Rinascita, con il patrocinio della Commissione Pari opportunità Provinciale e la Cgil Picena. Il progetto curato dall’Osservatorio di Genere di Macerata, con il riconoscimento dell’Associazione Nazionale di Toponomastica Femminile, la collaborazione dell’Università di Macerata e con il patrocinio della Camera dei Deputati è il frutto di un web contest lanciato dall’OdG tra il dicembre e il gennaio 2016 con l’obiettivo di recuperare la memoria di donne del passato protagoniste della storia della nostra regione.

Delle donne segnalate è stata raccontata la vita e per esse si vuole sensibilizzare le amministrazioni comunali all’intitolazione di spazi urbani. Saranno presenti due delle curatrici, Silvia Casilio e Ninfa Contigiani e tre degli autori che hanno redatto profili legati alla nostra provincia. Costantino Di Sante Direttore dell’ISML, Rita Forlini e Maria Gabriella Mazzocchi. Tra gli ospiti speciali ci sarà Egidia Coccia, la partigiana picena che insieme a Walchiria Terradura sono protagoniste e testimoni viventi della storia resistenziale della nostra regione.

leviedelledonnemarchigiane