CSM – Presentazione del libro di Santo Peli “La Resistenza difficile”

Sabato 28 Aprile 2018, ore 17.00

Auditorium Casa Matteo Bagnaresi (via Saragat 33/a, Parma)

Presentazione del libro di Santo Peli, La Resistenza difficile (Bfs-Centro studi Stampamovimenti, 2018)

Dialogheranno con l’autore Claudio Silingardi (Istituto nazionale “F. Parri”) e Ilaria La Fata (Centro studi movimenti)

Nel comune senso storico, continuano a circolare incrostazioni retoriche che alimentano una memoria unanimistica della resistenza, nonostante la storiografia abbia da tempo iniziato a sottoporre miti e certezze ad un’opera di verifica. Censure, rimozione di momenti ritenuti imbarazzanti o disdicevoli rispetto ad una versione altisonante ed eroicistica, hanno finito per togliere comprensibilità e fascino al periodo di storia nazionale più ricco di protagonismo popolare, di drammi collettivi, di difficili scelte individuali, a volte eticamente e intellettualmente motivate, spesso solo necessitate dalle tumultuose circostanze. Opporsi al revisionismo liquidatorio è possibile solo attraverso una maggior consapevolezza delle contraddizioni e delle lacerazioni vissute dai resistenti, attraverso l’analisi delle difficoltà, soggettive ed oggettive, del resistere, per poterne apprezzare fino in fondo, perché no, anche l’epicità. Ripubblicato a distanza di anni dalla prima edizione, il volume contribuisce a valorizzare i momenti alti, senza però espellere le ambiguità, le debolezze, i coni d’ombra, le fratture interne che segnano il percorso della Resistenza. Il farsi della resistenza è un lungo e travagliato lavorio di distillazione, che mette a dura prova scelte collettive e vocazioni individuali, non sempre rettilinee, non sempre irreversibili. Ma che senso avrebbe continuare a rimuovere la tortuosità, i “costi di formazione”, le mutazioni intervenute nel farsi della resistenza, come se si trattasse di pagine vergognose, o indicibili?

A cura di Centro studi movimenti e Fondazione Matteo Bagnaresi onlus

Con il patrocinio del Comune di Parma

Info: centrostudimovimenti@gmail.com

13 aprile 2018|IncontriNewsPresentazioni

Csm – Il terrorista. Conferenza di Santo Peli a partire dal film di Gianfranco De Bosio

locandina-il-terroristaAuditorium Casa Matteo Bagnaresi – Via Saragat 33/a, Parma

Conferenza dello storico Santo Peli (autore di Storie di Gap, Einaudi, 2014) a partire dal film di Gianfranco De Bosio (Italia/Francia, 1963).

A cura di Anpi Parma, Centro studi movimenti e Fondazione “Matteo Bagnaresi”

Info: centrostudimovimenti@gmail.com

Csm – Bella ciao! La Resistenza nella voce delle donne

partigiana-con-partigianiRitrovo in vicolo Santa Maria, Parma

Concerto itinerante della Banda Fonc (Fanfara obbligatoria non convenzionale) e della Banda del Liceo “A. Bertolucci”
Testi del Centro studi movimenti

Letture di Fabrizio Croci, Simona Sacchi, Silvia Settimj e Emma Galante

Da oltre settant’anni il 25 aprile riempie le strade e le piazze di festa, volti sorridenti, canti e gioia. La gioia della Liberazione. Una Liberazione resa possibile anche da donne che hanno scelto di lottare e mettere in pericolo la propria esistenza sognando una nuova società. In omaggio alle loro scelte e alle loro lotte, noi scenderemo rumorosamente in strada e faremo risuonare le loro voci e i loro pensieri.

 

A cura del Centro studi movimenti
In collaborazione con Comune di Parma

Info: centrostudimovimenti@gmail.com

Csm – La città delle donne

La città delle donne. Inaugurazione della mostra interattiva diffusa

Inaugurazione da piazza Garibaldi, Parma

citta-delle-donne-verticaleDieci paline diffuse in città consentiranno, tramite QRcode, di accedere a una webApp da cui scaricare immagini, video, testimonianze e approfondimenti sulla storia delle bustaie di fine ’800, delle prime donne elette in consiglio comunale nel 1946, delle sovversive durante il regime fascista o delle femministe degli anni ’70, delle partigiane o delle donne che negli anni ’80 fondarono il Centro antiviolenza. 

Cerca le paline, scarica la App QRcodeReader, inquadra il QRcode e… buon viaggio!

Progetto a cura di Centro studi movimenti

Con il contributo di Comune di Parma e Regione Emilia Romagna

Ricerche e testi Margherita Becchetti, Michela Cerocchi, Ilaria La Fata
Progetto grafico Jacleroy - Video editing Milo Adami, Lorenzo Melegari - Voci Roberto Abbati, Laura Cleri

Materiali iconografici tratti da Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico Roma, Archivio Biblioteca delle donne, Archivio Centro antiviolenza Parma, Archivio Centro studi movimenti Parma, Archivio dell’ex Ospedale psichiatrico di Colorno, Archivio privato Giovanna Bertani, Archivio privato Marina Fava, Archivio privato Aldo Montermini, Archivio privato Roberto Spocci, Archivio privato Pierangela Venturini, Archivio storico comunale di Parma, Archivio di Stato di Parma

CSM – Una storia nella storia. Incontro con Gilberto Salmoni

Incontro con Gilberto Salmoni (sopravvissuto al lager di Buchenwald)

Martedì 31 Gennaio 2017, ore 16:30

Auditorium Paganini – Parco Ex Eridania, Via Toscana 5 – Parma

Nel 1944 Gilberto Salmoni aveva 16 anni. Il 17 aprile, con l’aiuto di due guide del posto, stava cercando di fuggire con tutta la sua famiglia in Svizzera attraverso il Passo della Forcola. Camminarono tutta la notte, in bassa quota pioveva e in alta quota nevicava. Erano quasi arrivati al Passo, a circa 2.770 metri di altitudine, quando si fermarono per riposarsi un poco in una capanna. In breve, però, arrivò la milizia fascista che li sorprese e li avviò alla deportazione. Qualche mese dopo, insieme al fratello, giunse a Buchenwald, uno dei campi di concentramento più terribili della Germania nazista. Riuscì a sopravvivere fino alla liberazione del campo che avvenne esattamente un anno dopo, nell’aprile 1945.

 

Organizzato da Centro studi movimenti

In collaborazione con Comune di Parma Fondazione Matteo Bagnaresi

LOCANDINA_2017 19 gennaio 

Info: centrostudimovimenti@gmail.com

CSM – Un regime di notabili. Il potere a Parma durante il fascismo

 

Centro studi movimenti – Via Saragat 33/a, Parma

Un regime di notabili. Il potere a Parma durante il fascismo

Presentazione del libro di Massimo Giuffredi (BFS, Pisa 2016)

Con l’autore dialoga Dianella Gagliani (Università di Bologna)

A cura di Centro studi movimenti e Biblioteca Franco Serantini

In collaborazione con il Comune di Parma

Info: centrostudimovimenti@gmail.com

Un regime di notabili locandina

CSM – Sessantotto di carta. Gli archivi di movimenti in Italia

Auditorium di Casa “Matteo Bagnaresi” – Via Saragat 33/a, Parma

Con la fine della stagione dei movimenti, molti archivi e centri di documentazione si sono trasformati – o si sono costituiti – in luoghi di sostegno teorico al conflitto sociale e in spazi di resistenza culturale e immaginazione sociale. Ma molti di questi archivi non sono riusciti ‒ e non riescono ‒ a spingersi oltre l’ambito della testimonianza, limitandosi talvolta al cerchio ristretto dei propri simpatizzanti, mentre il pensiero dominante, l’accademia, le istituzioni e il senso comune s’impossessano del passato, riscrivendolo a uso e consumo dell’ideologia del presente.
Come immaginare l’uscita da questa minorità, come tutelare il patrimonio documentario e la riflessione culturale e come costruire antagonismo politico sono alcuni degli interrogativi di cui vorremmo discutere.

La giornata è organizzata dal Centro studi movimenti di Parma.

Partecipano:
Archivio “il 68” ‒ Firenze
Archivio “Marco Pezzi” ‒ Bologna
Archivio “Primo Moroni” ‒ Milano
Archivio delle donne in Piemonte ‒ Torino
Associazione Memoria in movimento ‒ Salerno
Associazione per un archivio dei movimenti ‒ Genova
Biblioteca Franco Serantini ‒ Pisa
Centro di documentazione ‒ Pistoia
Centro studi “Piero Gobetti” ‒ Torino
Storie in movimento

Con il patrocinio del Comune di Parma

Info: centrostudimovimenti@gmail.com

sessantottoCarta_locandina_new

CSM – Il cielo di Auschwitz

 

Giornata della memoria 2016

Il cielo di AuschwitzAuditorium Paganini, Parco ex Eridania

Via Toscana 5/a, Parma

Incontro con Piero Terracina

(sopravvissuto al campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau)

 

Organizzato da Centro studi movimentiComunità ebraica di Parma

In collaborazione con Comune di Parma – Assessorato alla Cultura, Consorzio solidarietà sociale Fondazione Matteo Bagnaresi

Info: centrostudimovimenti@gmail.com

CSM – L’invisibile ovunque. Presentazione del libro di Wu Ming

loc-invisibile- bassa risuluzioneOratorio Novo della Biblioteca civica – Vicolo Santa Maria, Parma

 

Incontro con Wu Ming 4Ilaria La Fata (Centro studi movimenti) e Carlo Varotti (Università di Parma).

 

L’invisibile ovunque racconta quattro vite nella Grande guerra, saltando dal fronte italiano a quello francese e ritorno. Chi vive in queste pagine sa che «niente uccide un uomo come l’obbligo di rappresentare una nazione» (Jacques Vaché) e adotta strategie per evadere dall’orrore. Qualcuno sceglie la sfida all’istituzione psichiatrica, accettando il rischio che la follia simulata diventi reale. Qualcuno si arruola negli Arditi, scansando la vita di trincea, al prezzo di divenire un uomo-arma, pugnale con braccia e gambe che un potere futuro potrà usare a suo piacimento. Qualcuno cerca di nascondersi nelle pieghe della guerra, praticando l’umorismo e il paradosso, fantasticando piani grandiosi per assaltare il mondo che ha vomitato un tale abominio. Qualcuno coltiva l’utopia di un’invisibilità che renda impossibile agli uomini combattersi.

Il libro rappresenta un esempio di narrazione letteraria della Grande guerra, che rifugge da ogni eroismo e riporta al centro gli uomini in carne ed ossa e il loro disperato attaccamento alla vita.

A dialogare con Wu Ming 4 saranno Ilaria La Fata, ricercatrice del Centro studi e autrice di un volume sulla follia nelle trincee, e Carlo Varotti, docente di letteratura italiana all’Università di Parma. Due studiosi di discipline diverse – quella storica e quella letteraria – che faranno emergere i tratti più interessanti di questo lavoro: da un lato le zone d’ombra della storia, i suoi angoli grigi, le vicende scomode che hanno segnato l’esperienza del primo conflitto mondiale; dall’altro una tecnica narrativa che mette in scena quattro movimenti, dalla narrativa pura al romanzo in forma di saggio, attraversando il romanzo di frammenti e il non-romanzo surrealista.

 

A cura di Centro studi movimentiBiblioteche del Comune di Parma

Info: centrostudimovimenti@gmail.com

 

CSM – Combattere in Spagna. Guido Picelli e la guerra civile spagnola

 

Centro studi movimenti, c/o Casa Matteo Bagnaresi – via Saragat 33/a, Parma

 

Interventi di Italo Poma e Marco Puppini (Associazione italiana combattenti volontari antifascisti in Spagna) e William Gambetta (Centro studi movimenti).

Dopo la discussione, proiezione del video Da Parma alla Spagna, testimonianza di Paolo Bertoletti (Spi Cgil) sul viaggio della memoria del 2013.

 

A cura di Centro studi movimenti e Associazione italiana combattenti volontari antifascisti in Spagna

In collaborazione con Fondazione Matteo Bagnaresi e Sindacato pensionati italiani – Cgil

 

Info: centrostudimovimenti@gmail.com

 

combattere in spagna locandina