Mafie e società: organizzazioni, storie, culture, economie

Il percorso di formazione on line (piattaforma Zoom) intende ricostruire la storia delle diverse organizzazioni malavitose dal Novecento ai giorni nostri attraverso il loro intreccio con istituzioni, economia e società, approfondendo anche quegli aspetti culturali e sociali che hanno contribuito a creare stereotipi e modelli di relazioni (amplificati anche da produzioni televisive e cinematografiche) funzionali al radicamento sociale dei fenomeni mafiosi. Verranno analizzate le forme di resistenza e di opposizione civile alle mafie attraverso percorsi biografici, esperienze, luoghi di memoria (ore di formazione: 10). Per le iscrizioni occorre compilare il form su: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdqePy5QgZm4iXCAW1GKWpcblFpnv7tCrNpdZWaf1wa-9PRpg/viewform). Pagina web dedicata alla formazione AMBITO 13 – 2021: https://pnfd.iiscastigliano.itPer informazioni si prega di scrivere a: didattica@israt.it

Totalitarismi a confronto

Il percorso di formazione on line (piattaforma Zoom) intende analizzare in un’ottica comparata caratteri, storie, progettualità, similitudini e differenze dei principali regimi totalitari e delle dittature fasciste del Novecento. Attraverso l’analisi documentaria, verranno ricostruiti i progetti di società, le modalità di utilizzo “scientifico” dei mezzi di propaganda, l’educazione e la formazione dei giovani, gli strumenti e i sistemi repressivi utilizzati. (ore di formazione: 10). Per le iscrizioni occorre compilare il form su: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdqePy5QgZm4iXCAW1GKWpcblFpnv7tCrNpdZWaf1wa-9PRpg/viewform). Pagina web dedicata alla formazione AMBITO 13 – 2021: https://pnfd.iiscastigliano.itPer informazioni si prega di scrivere a: didattica@israt.it

Diventare cittadine: il difficile cammino dei diritti delle donne

La proposta formativa on line (piattaforma Zoom) intende ricostruire la storia dei movimenti femministi a partire dalla seconda metà dell’Ottocento (primo femminismo). Verranno esaminati i modelli di donna imposti dai regimi totalitari del Novecento e i nuovi percorsi di cittadinanza che si attivano alla fine della seconda guerra mondiale per arrivare alla nascita del secondo femminismo degli anni ’60 e ’70 e alle leggi che hanno segnato una vera e propria rivoluzione sociale e culturale che, però, non sembra aver trovato ancora concretezza nella quotidianità e nella vita istituzionale italiana (ore di formazione: 10). Per le iscrizioni occorre compilare il form su: https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdqePy5QgZm4iXCAW1GKWpcblFpnv7tCrNpdZWaf1wa-9PRpg/viewform). Pagina web dedicata alla formazione AMBITO 13 – 2021: https://pnfd.iiscastigliano.itPer informazioni si prega di scrivere a: didattica@israt.it

 

Webinar “Anche i partigiani però…”

Giudizi e pregiudizi sui partigiani oggi sono parte integrante di un senso comune diffuso, popolato di frasi fatte. Chiara Colombini, nel suo libro edito da Laterza, racconta la realtà drammatica, ma anche piena di speranza, di quei venti mesi che hanno consentito la conquista della libertà e posto le basi per la nascita della Repubblica. Un libro per conoscere ciò che è stato. Senza retorica, tornando alla storia. L’autrice ne discute con Mario Renosio, direttore dell’Israt. L’evento è organizzato con il sostegno del Consiglio regionale del Piemonte e del Comitato valori Resistenza e Costituzione. L’evento si terrà on-line sulla piattaforma Zoom. Per partecipare è obbligatoria la prenotazione via mail a didattica@israt.it

 

“Nel cantiere della memoria”

Mario Renosio, direttore dell’Israt, presenterà il libro di Filippo Focardi Nel cantiere della memoria. Resistenza, Shoah, Foibe edito da Viella. Da decenni ormai, con la fine della guerra fredda e i mutamenti dello scenario internazionale, i processi di ridefinizione delle memorie pubbliche nazionali hanno innescato in tutta Europa delle vere e proprie “guerre di memoria”. In Italia, in particolare, i conflitti tra memorie contrapposte si affiancano a reiterati tentativi di ridefinizione dell’identità nazionale all’insegna della costruzione di presunte memorie condivise, alimentati da un intenso uso politico del passato. Si assiste così all’istituzione di nuove date del calendario civile, come la Giornata della Memoria per le vittime della Shoah e il Giorno del Ricordo per quelle delle foibe; al confronto fra revisionismo e anti-revisionismo su fascismo e Resistenza; a un dibattito sui crimini di guerra italiani nelle colonie e nei territori occupati durante il secondo conflitto mondiale; e all’impegno in prima persona dei presidenti della Repubblica (Ciampi, Napolitano, Mattarella) nel costruire una memoria pubblica nazionale lungo l’asse Risorgimento, Grande guerra, Resistenza, Unione Europea. Ma, come mostra questo volume, dietro gli attuali processi di rielaborazione del passato vi è – come sempre – una più ampia posta in palio, che tocca le prospettive future della democrazia in Italia e in Europa (http://www.scuolealmuseo.it/blogdidattica/?p=3005)

 Organizzano: Polo Cittattiva per l’Astigiano e l’Albese – I.C. di San Damiano d’Asti con il Museo Arti e Mestieri di un tempo, Israt, Libreria il Pellicano e Aimc di Asti, nell’ambito del progetto e dei laboratori di cittadinanza aperti al territorio “VECCHIE E NUOVE RESISTENZE: RICONNESSIONI”.

“Rendiconto. La sinistra italiana dal Pci ad oggi”

Un libro, un resoconto, un rendiconto, a volte una resa dei conti piuttosto amara. Claudio Petruccioli ne discute con Mario Renosio (Israt)petruccioli

Corso di formazione “Per fare tutto ci vuole un libro”

I libri sono strumenti importanti nella didattica e diventano ancora più preziosi quando si lavora con gli studenti sui grandi temi di cittadinanza e costituzione e sulle date del calendario civile affrontando la storia contemporanea.

L’Isttituto storico organizza per dicembre 2020 la terza edizione di un corso di formazione sull’uso in classe dei libri che parlano di razzismo, guerra, esclusione, shoah, accoglienza, migrazione, leggi razziali, diritti civili, educazione civica, affiancando la presentazione tematica a tecniche di lettura espressiva e a suggerimenti per la creazione di percorsi e laboratori. Essendo in corso l’anno rodariano, una particolare attenzione verrà riservata allo scrittore di Omegna e ai suoi testi.

Al link sotto riprodotto il programma completo delle due giornate, per le quali è previsto il riconoscimento formativo. NB le date riportate nel volantino, a seguito dell’emergenza sanitaria, sonos tate posticipare all’11-12 dicembre 2020

corso-amat-2020

 

LA FORZA DEI LUOGHI AL TEMPO DEL COVID 19: STORIE, TERRITORI, PATRIMONI CULTURALI

L’Istituto della Resistenza di Asti, in collaborazione con Casa della Memoria di Vinchio e Consiglio Regionale-Comitato Valori Resistenza e Costituzione, organizza un corso di formazione on line per insegnanti. Gli incontri si svolgeranno sulla piattaforma Zoom tutti i mercoledì, a partire dall’11 novembre, dalle ore 17 alle ore 19. Per le iscrizioni: didattica@israt.it entro il 9 novembre.

Per saperne di più: http://www.israt.it/iniziative/iniziative-recenti-2018-2020/530-corso-di-formazione-e-aggiornamento-on-line-cittadinanza-e-costituzione.html

 

Corso formazione ISREC-SV “Dopo il secolo breve” – Marcello FLORES: “Riconoscere il nuovo mondo globale”

CORSO DI FORMAZIONE ISREC

DELLA PROVINCIA DI SAVONA

a.s. 2019/2020

rivolto ai docenti di ogni ordine e grado,

agli studenti interessati e alla cittadinanza

corso-isrec-lectio-di-m-flores

DOPO IL SECOLO BREVE.

VERSO UNA STORIA DEL MONDO ATTUALE

Sesta lectio magistralis

(Registrazione da remoto)

30 Aprile  2020

  • Introduce Giosiana Carrara, Direzione Corso ISREC – SV
  • Lezione di MARCELLO FLORES, già docente di Storia contemporanea e Storia comparata all’Università di Siena

Riconoscere il nuovo mondo globale

link allla video-lezione: https://www.isrecsavona.it/marcello-flores-riconoscere-il-nuovo-mondo-globale-giovedi-27-febbraio-2020-h-16-00-liceo-chiabrera-martini-di-savona/

ISREC-SV: Tante braccia per il Reich- Presentazione ricerca storica su deportazione lavoratori liguri (1943-45)

ISREC “U. Scardaoni”ILSREC “R. Ricci” -  ANED di Savona e Imperia

con il patrocinio della Regione Liguria e del Comune di Savona

e in collaborazione con ANRP – CGIL – CISL – UIL

isrec-invito-presentazione-progetto-deportazione-operaia-savona

TANTE BRACCIA PER IL REICH

Presentazione della ricerca sulla
Deportazione dei lavoratori liguri ad opera dei tedeschi
durante la Seconda guerra mondiale

SAVONA
29 GENNAIO 2020
SALA ROSSA DEL COMUNE DI SAVONA
ORE 16.30

  • Introduce

MARIA BOLLA CESARINI
Presidente ANED Savona e Imperia

  • Saluti

ILARIA CAPRIOGLIO
Sindaco di Savona
TERESA FERRANDO
Presidente ISREC “Umberto Scardaoni”

  • Intervengono

FEDERICO VESIGNA
Segretario Generale CGIL Liguria
in rappresentanza dei Sindacati Confederali CGIIL – CISL – UIL

IRENE GUERRINI
e MARCO PLUVIANO
Autori della ricerca

L’evento è aperto al mondo della scuola e alla cittadinanza