“Alle radici delle guerre” – Corso on line di formazione

Un corso di formazione on line per insegnanti, aperto anche a chi fosse semplicemente interessato a discutere, capire, riflettere insieme sulla storia contemporanea. Per iscrizioni: didattica@israt.it

corso-libia-ucraina

“Abbassa la tua radio per favore…”

Lo spettacolo della Palmarosa Band racconta, attraverso le canzoni dell’epoca, la storia tra gli anni ’20 e gli anni ’50, passando dal regime fascista, all’immane tragedia della guerra, alla Resistenza fino all’inizio degli Anni ‘50 con la ripresa e la ricostruzione. Le canzoni dell’epoca, le grandi orchestre ma soprattutto la radio, che diffondeva queste musiche, aiutavano tutti a non perdere la voglia di vivere e di cercare di essere felici. Gli autori con le loro canzoni ironicamente si opposero al regime fascista mentre fondamentale fu il ruolo di “Radio Londra” durante la lotta partigiana e la Resistenza. La Liberazione e il dopoguerra portarono il boogie woogie e lo swing ma anche appuntamenti con la storia come il referendum monarchia-repubblica e il voto alle donne.
Questa la composizione della Palmarosa Band: Maria Rosa Negro alla voce, Ezio Cocito al sax, Claudio Genta alle tastiere, Alessandro Gianotti alla chitarra e al mandolino, Lorenzo Nisoli al basso, Luciano Poggio alla batteria. Progetto scenico della Palmarosa band, progetto audio di Vincenzo “Piuma” Penna (Asti, sede Auser di via Lamarmora, 15)

locandina-24-aprile-2022-auser

“Abbassa la tua radio per favore…”

Lo spettacolo della Palmarosa Band racconta, attraverso le canzoni dell’epoca, la storia tra gli anni ’20 e gli anni ’50, passando dal regime fascista, all’immane tragedia della guerra, alla Resistenza fino all’inizio degli Anni ‘50 con la ripresa e la ricostruzione. Le canzoni dell’epoca, le grandi orchestre ma soprattutto la radio, che diffondeva queste musiche, aiutavano tutti a non perdere la voglia di vivere e di cercare di essere felici. Gli autori con le loro canzoni ironicamente si opposero al regime fascista mentre fondamentale fu il ruolo di “Radio Londra” durante la lotta partigiana e la Resistenza. La Liberazione e il dopoguerra portarono il boogie woogie e lo swing ma anche appuntamenti con la storia come il referendum monarchia-repubblica e il voto alle donne.
Questa la composizione della Palmarosa Band: Maria Rosa Negro alla voce, Ezio Cocito al sax, Claudio Genta alle tastiere, Alessandro Gianotti alla chitarra e al mandolino, Lorenzo Nisoli al basso, Luciano Poggio alla batteria. Progetto scenico della Palmarosa band, progetto audio di Vincenzo “Piuma” Penna (Salone della Confraternita dell’Annunziata, Villanova d’Asti).

villanova-dasti-22-aprile-2022

“Attila, Pepe e gli altri”

Presentazione del volume di Mario Renosio sulla Resistenza tra Langhe e Monferrato. Interverranno Paolo Monticone, Presidente dell’Anpi provinciale di Asti, e Nicoletta Fasano (Israt), presso l’Auditorium della Trinità, sede dell’Associazione culturale Erca di Nizza Monferrato.

copertina-renosio

La strada di casa. Il ritorno in Italia dei sopravvissuti alla Shoah

Elisa Guida (docente di storia contemporanea presso l’Università della Tuscia) presenterà il suo libro, edito da Viella, sui difficili ritorni, sulle complesse ricostruzioni delle vite dei sopravvissuti italiani alla deportazione.

17-febbraio

Per iscrizioni: http://www.scuolealmuseo.it/blogdidattica/

Presentazione del libro di Federico Fornaro: “2 giugno 1946. Storia di un referendum”

Il nuovo libro di Federico Fornaro  2 giugno 1946. Storia di un referendum (Bollati Boringhieri, 2021)  affronta il passaggio istituzionale con cui l’Italia passò dalla monarchia alla repubblica, concludendo una lunga transizione dal fascismo alla democrazia, iniziata il 25 luglio 1943. Per la prima volta nella storia d’Italia le donne poterono votare al pari degli uomini e ventuno di loro furono elette all’Assemblea Costituente.
Come ha scritto Piero Calamandrei: «Mai nella storia è avvenuto, né mai ancora avverrà che una repubblica sia stata proclamata per libera scelta di popolo mentre era ancora sul trono il re». Dalla dittatura alla repubblica: si tratta di una fase complessa e contraddittoria, che l’autore rilegge alla luce del dibattito sulla questione istituzionale e del controverso approdo alla scelta referendaria, oltre che analizzando la competizione tra gli alleati inglesi e americani per l’egemonia sul Mediterraneo. L’autore dialoga con Mario Renosio e Vittorio Rapetti. Modera Maria Grazia Arnaldo. L’evento è organizzato in collaborazione con il Comune di Monastero Bormida, la locale Biblioteca civica, l’Associazione culturale Museo del Monastero e l’Anpi Valle Bormida.

“I drammi del confine orientale” – Giorno del Ricordo 2021

Conferenza on line giorno-ricordo-2021di Enrico Miletto sul tema: “L’eredità della guerra: gli spostamenti forzati di popolazione e l’esodo giuliano-dalmata”

Bologna e il dopoguerra nei verbali del Partito d’azione – Consulta on line

Grazie alla donazione della famiglia di Nazario Sauro Onofri (1927-2015), l’Istituto Storico Parri di Bologna mette a disposizione per la consultazione on line i verbali delle riunioni del comitato esecutivo del Partito d’Azione bolognese nel secondo dopoguerra, scaricabili in formato pdf.

Tanti gli argomenti trattati: la ricostruzione, i rapporti con le altre forze politiche, l’epurazione dei fascisti etc.

Il primo volume raccoglie i verbali delle riunioni tenute dal 23 aprile 1945 al 16 novembre 1945; il secondo volume riparte dal 16 novembre 1945 e termina con la riunione del 5 settembre 1946.

Clicca e vai alla pagina della consultazione on line

Presentazione del volume “Il neofascismo in Umbria 1969-1975″

L’Isuc e il Dipartimento di Lettere-Lingue, letterature e civiltà antiche e moderne dell’Università degli studi di Perugia organizzano, presso la Sala delle adunanze del Dipartimento in piazza Morlacchi 11, la presentazione del volume di Valerio Marinelli, Il neofascismo in Umbria 1969-1975. La commissione d’inchiesta della Regione (Marsilio 2019).

invito

La caduta del muro di Berlino… Trent’anni dopo

Nell’ambito del Progetto regionale di Storia contemporanea promosso dal Consiglio Regionale del Piemonte e dal Comitato Valori Resistenza e Costituzione, Mario Renosio offrirà agli studenti partecipanti strumenti di conoscenza e di approfondimento di un tema che pone mille domande. A trent’anni di distanza siamo di fronte a una disarticolazione dell’ordine internazionale e sembrano inattuate le premesse di un mondo pacificato e di un dilagare virtuoso della globalizzazione.