Presentazione libro: Estate – autunno 1944. La Zona libera partigiana del Friuli orientale, a cura di Alberto Buvoli e Andrea Zannini (2016).

Giovedì 28 aprile, alle ore 18.00, presso la Libreria Friuli – Via dei Rizzani 1, Udine, si svolgerà la presentazione del volume Estate – autunno 1944. La Zona libera partigiana del Friuli orientale, a cura di Alberto Buvoli e Andrea Zannini, edizioni Il Mulino 2016.

Intervengono:

Alberto Buvoli, presidente dell’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione;Andrea Zannini, direttore del Dipartimento di studi umanistici e del patrimonio culturale dell’Università di Udine.
Dino Spanghero, presidente dell’Anpi provinciale di Udine.

immagine-ereeeeeee

 

70° anniversario della Zona Libera del Friuli orientale: cerimonia in ricordo

Domenica, 28 settembre 2014, alle ore 9.45, a Faedis, in provincia di Udine, nella piazza della Chiesa, si svolgerà la cerimonia in ricordo dell’eroica difesa della Zona Libera e della feroce rappresaglia nazista con l’incendio dei Paesi. La cerimonia è organizzata dal Comune di Faedis, dall’ANPI provinciale di Udine, l’Associazione Partigiani Osoppo- Friuli, dall’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione.

Programma:

ore 9.45    – Incontro dei partecipanti nella piazza della Chiesa di Faedis

ore 10.00 – Deposizione corone al monumento dei Caduti e al cippo degli Alpini.  Corteo al monumento dei Caduti per la difesa della Zona Libera del Friuli  Orientale e deposizione corone

Saluto del Sindaco – Claudio Zani

Saluti dell’Assessore al Lavoro e Istruzione della Regione Autonoma Friuli venezia Giulia

Orazioni ufficiali

Riccardo Tomè – Vice Presidente APO (Associazione Partigiani Osoppo)

Dino Spanghero   -  Presidente dell’ANPI Provinciale

La Resistenza deve essere fortemente in campo per la difesa della democrazia, della Carta Costituzionale e per il diritto al lavoro. Libertà e uguaglianza -che sono le nostre parole d’ordine principali – richiedono un impegno reale, pieno e forte in questo campo, senza tregua e senza esitazioni di sorta.

immagine-ereeeeeee

Estate-autunno 1944: La Zona Libera del Friuli Orientale. Convegno di studi storici.

Sabato 27 settembre, alle ore 9.30, a Tarcento, in provincia di Udine, presso l’Auditorium dell’Istituto Comprensivo, si svolgerà la seconda giornata (prima giornata a Cividale del Friuli, 26 settembre 2014) del  Convegno di studi storici “Estate-autunno 1944: la Zona Libera del Friuli Orientale”  organizzato dall’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, l’ ANPI provinciale di Udine, l’Associazione Partigiani Osoppo-Friuli e con il Patrocinio dei Comuni di: Attimis, Cividale del Friuli, Faedis, Lusevera, Nimis, Povoletto, Pulfero, Remanzacco, San Pietro al Natisone, Taipana, Tarcento, Torreano. Con il sostegno della regione Autonoma del Friuli Venezia Giulia – Assessorato alla Cultura.

Programma della seconda giornata:

1.  La vita civile nei comuni della Zona Libera. Elezioni e il ruolo del CLN militare della Zona Libera e quello dei CLN comunali, a cura di Flavio Fabbroni.

2. Il ruolo e la posizione del clero di fronte alla costituzione della Zona Libera, a cura di Fabio Verardo.

3. La reazione nazista: l’incendio di Subit di Attimis (29 luglio, trenta case bruciate), l’eccidio di Torlano (25 agosto, 36 civili), di Nongruella (29 settembre, 5 civili), di Nimis, Attimis e Faedis (30 settembre, 30 civili). Il grande rastrellamento di fine settembre 1944, l’incendio dei paesi di Nimis, Attimis, Faedis, Masarolis e Sedilis. Le deportazioni, a cura di Giancarlo Bertuzzi.

4. Riflessioni conclusive, a cura di Paolo Pezzino.

Quest’anno ricorre il 70° anniversario della grande stagione della Resistenza italiana, ricorrenza che in tutto il nostro Paese vede una ripresa di iniziative tese a ricordare i momenti alti e più significativi di quel grande movimento popolare per la conquista della pace, della libertà e della democrazia che si sviluppò anche in Friuli. Una delle più alte realizzazioni della Resistenza friulana fu la Zona Libera del Friuli Orientale, conosciuta anche come Zona Libera di Nimis, Attimis e Faedis, frutto della collaborazione fra formazioni partigiane osovane e garibaldine e dell’unità della Resistenza. E’ per non perdere la memoria di una delle pagine più importanti della storia della nostra gente, che le Amministrazioni comunali del territorio, le Associazioni partigiane dell’ANPI e dell’APO e l’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, con il sostegno dlel’Amministrazione Regionale, hanno programmato una serie di iniziative tese ad una corretta comprensione delle vicende storiche del proprio territorio nel contesto della più grande tragedia che fu la la seconda Guerra mondiale, con l’obbiettivo di farle diventare un’occasione per l’educazione ai valori della pace e per lo sviluppo di una coscienza civile.

 immagine-ereeeeeee

 

Achtung banditi! Concerto teatrale per la Resistenza

Venerdì 26 settembre, alle ore 20.30, presso  l’Auditorium delle Scuole Medie di Faedis (in provincia di Udine) con la collaborazione dell’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione di Udine si terrà il CONCERTO TEATRALE PER LA RESISTENZA   Achtung banditi!
con
Claudia Grimaz (voce)
Igi Meggiorin (chitarre e percussioni)
Nicoletta Oscuro (voce)
Massimo Somaglino (voce)
Vittorio Vella (tastiere)
composizioni originali
Vittorio Vella – Igi Meggiorin
ricerca testi e canzoni
Claudia Grimaz – Massimo Somaglino
una produzione Teatro Club Udine
regia Massimo Somaglino

Lo spettacolo “Achtung banditi!” è un mix di parole, suoni, canti, rispolverati dagli archivi della musica, popolare e non, e da fonti varie di documentazione scritta, perlustrati e composti da Massimo Somaglino. Sono tre le tappe in cui la sequenza dello spettacolo si snoda, come per una dialettica hegeliana tesi-antitesi-sintesi ispirata dalle tragiche vicende del ‘900. O come un trittico da antologia di emozioni ed evocazioni mobilitate dalla partitura della storia, che suggerisce uno slalom di contaminazioni e dissolvenze tra musica e parola, omaggio a un’idea di Resistenza segnata dal tempo, ma – evidentemente – non piegata nella coscienza e semmai rilanciata all’attualità del presente.

immagine-ereeeeeee

Estate-autunno 1944: La Zona Libera del Friuli Orientale. Convegno di studi storici.

Venerdì 26 settembre, alle ore 9.30, a Cividale del Friuli, in provincia di Udine, presso la Sala del Teatro Ristori, si svolgerà la prima giornata del  Convegno di studi storici “Estate-autunno 1944: la Zona Libera del Friuli Orientale”  organizzato dall’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, l’ ANPI provinciale di Udine, l’Associazione Partigiani Osoppo-Friuli e con il Patrocinio dei Comuni di: Attimis, Cividale del Friuli, Faedis, Lusevera, Nimis, Povoletto, Pulfero, Remanzacco, San Pietro al Natisone, Taipana, Tarcento, Torreano. Con il sostegno della regione Autonoma del Friuli Venezia Giulia – Assessorato alla Cultura.

Programma della prima giornata:

1. Le Zone Libere della Resistenza italiana nei documenti del CLNAI e del CVL (Tipologia delle Zone Libere, con un approfondimento per quelle che avevano un precipuo carattere militare), a cura di Santo Peli.

2. L’unità e la divisione delle forze partigiane in Italia e in Friuli, a cura di Tommaso Piffer.

3. La Zona Libera del Friuli orientale (Il tema dell’unificazione dei comandi Garibaldi e Osoppo, la realizzazione della Zona Libera nelle principali operazioni militari delle formazioni Garibaldi e Osoppo: 31 agosto battaglia per la liberazione di Nimis; 5 settembre Povoletto; 23 settembre Vedronza), a cura di Alberto Buvoli.

4. Gli Anglo-americani e le Zone libere in Italia e in Friuli, a cura di Massimo de Leonardis

5. Il Movimento partigiano sloveno e la “Zona Libera del Friuli orientale” a cura di Gorazd Bajc.

Programma della seconda giornata:

Sabato 27 settembre, alle ore 9.30, a Tarcento, in provincia di Udine, presso l’Auditorium dell’Istituto Comprensivo, si svolgerà la seconda giornata del  Convegno.

1.  La vita civile nei comuni della Zona Libera. Elezioni e il ruolo del CLN militare della Zona Libera e quello dei CLN comunali, a cura di Flavio Fabbroni.

2. Il ruolo e la posizione del clero di fronte alla costituzione della Zona Libera, a cura di Fabio Verardo.

3. La reazione nazista: l’incendio di Subit di Attimis (29 luglio, trenta case bruciate), l’eccidio di Torlano (25 agosto, 36 civili), di Nongruella (29 settembre, 5 civili), di Nimis, Attimis e Faedis (30 settembre, 30 civili). Il grande rastrellamento di fine settembre 1944, l’incendio dei paesi di Nimis, Attimis, Faedis, Masarolis e Sedilis. Le deportazioni, a cura di Giancarlo Bertuzzi.

4. Riflessioni conclusive, a cura di Paolo Pezzino.

Quest’ anno ricorre il 70° anniversario della grande stagione della Resistenza italiana, ricorrenza che in tutto il nostro Paese vede una ripresa di iniziative tese a ricordare i momenti alti e più significativi di quel grande movimento popolare per la conquista della pace, della libertà e della democrazia che si sviluppò anche in Friuli. Una delle più alte realizzazioni della Resistenza friulana fu la Zona Libera del Friuli Orientale, conosciuta anche come Zona Libera di Nimis, Attimis e Faedis, frutto della collaborazione fra formazioni partigiane osovane e garibaldine e dell’unità della Resistenza. E’ per non perdere la memoria di una delle pagine più importanti della storia della nostra gente, che le Amministrazioni comunali del territorio, le Associazioni partigiane dell’ANPI e dell’APO e l’Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, con il sostegno dlel’Amministrazione Regionale, hanno programmato una serie di iniziative tese ad una corretta comprensione delle vicende storiche del proprio territorio nel contesto della più grande tragedia che fu la la seconda Guerra mondiale, con l’obbiettivo di farle diventare un’occasione per l’educazione ai valori della pace e per lo sviluppo di una coscienza civile.

 immagine-ereeeeeee

 

“Estate 1944: La Zona Libera Partigiana del Friuli orientale”- Inaugurazione della mostrastorico-fotografica

Venerdì 26 settembre,  alle ore 9.00, presso il Foyer del Teatro Ristori di Cividale del Friuli, in provincia di Udine, ci sarà l’inaugurazione dellla mostra  storico – fotografica:

            “ ESTATE 1944: LA ZONA LIBERA PARTIGIANA DEL FRIULI ORIENTALE”

a cura di Alberto Buvoli, Flavio Fabbroni e Monica Emmanuelli- Istituto Friulano per la Storia dela Movimento di Liberazione, in collaborazione con l’ANPI provinciale di Udine  e l’Associazione Partigiana Osoppo-Friuli

Progetto grafico e allestimento: Marco De Anna e Andrea Lucatello

Orario:
Sabato e Domenica ore 10.00 – 12.30 / 15.00 – 19.00
Altri giorni 17.00 -19.00 escluso il lunedì
La mostra rimarrà aperta fino  a  Domenica 5 Ottobre 2014

Visite guidate al mattino per le scuole.

immagine-ereeeeeee